decoder DVB T2DVB T2 sarà il nuovo standard nazionale per il Digitale Terrestre. Si caratterizzerà per la presenza di un sistema che garantisce canali in alta definizione e si basserà su scelte d’implementazione che ci costringeranno a cambiare decoder a causa del 5G.

 

DVB T2: il 5G costringe tutti a cambiare decoder

La rete 5G funzionerà sulle frequenze a 700 MHZ, per ora usate per la trasmissione dei canali sul Digitale Terrestre. Con il nuovo paradigma del DVB T2 si passerà ad un altro sistema nuovo, che renderà obsoleti tutti i televisori ed i decoder che non sono in grado di ricevere il segnale.

 

Per molti, l’arrivo del nuovo sistema non sarà traumatico visto che i televisori prodotti da qualche anno a questa parte sono dotati del supporto necessario. I problemi arriveranno per tutti coloro che hanno un vecchio TV ed un decoder abilitato al segnale attuale sui 700 MHz. Per tutti questi utenti sarà necessario cambiare decoder ed eventualmente TV.

Leggi anche:  Digitale Terrestre come Sky: presto dovremo comprare una parabola satellitare

Le modifiche saranno attuate a partire dal 1 gennaio 2019 e si completeranno solo il 30 giugno 2022 con il cambio totale dell’infrastruttura. Si può verificare facilmente la compatibilità del proprio televisore con il segnale DVB T2 scorrendo i canali e provando a visualizzare i network HD di RAI e Mediaset. Se si visualizzano senza problemi siamo apposto, saremo in grado di ricevere tutti gli attuali e futuri canali HD.

Il tuo televisore ti permette di visualizzare la programmazione in alta definizione? Se la risposta è no corri ad acquistare un decoder, te la cavi con meno di 20 euro.