batteria smartphone di notteLasciare lo smartphone in carica tutta la notte è un’abitudine da eliminare. Una consuetudine pessima che oltre a rovinare per sempre la batteria del telefono rischia di arrecare danni importanti alla nostra salute, minando la nostra incolumità fisica proprio quando non ce lo aspettiamo. Ecco cosa può succedere e come evitarlo.

 

Batteria degli smartphone in carica tutta la notte: come il TNT

Abbiamo toccato più e più volte l’argomento batteria smartphone che esplode ma poco si è detto in merito alla possibilità che il caricabatterie possa causare un incidente pericoloso proprio mentre dormiamo sonni tranquilli.

L’abitudine di lasciare in carica il telefono sotto le coperte accanto al letto o magari sul comodino in un luogo poco areato (ad esempio, d’inverno con finestre chiuse e riscaldamento acceso) deve essere cancellata.

La struttura ed il funzionamento di una batteria è rimasto lo stesso da anni. Nulla è cambiato nei moderni supporti agli ioni di litio, nonostante telefoni sempre più soggetti a controlli e norme per la prevenzione degli incendi dovuti proprio alla batteria.

La temperatura eccessiva incide non poco sulle caratteristiche interne delle celle, che già esposte al passaggio della corrente elettrica del caricabatterie rischiano di esplodere per effetto di una temperatura esterna al di sopra della norma. Sommando i due fattori di stress si può potenzialmente ottenere un resoconto drammatico. Lo smartphone esplode, nella notte, senza preavviso e lasciando segni indelebili e cicatrici su di esso ma soprattutto su noi stessi.

 

Come caricare correttamente la batteria del telefono

Prima di pensare di lasciare in carica il telefono tutta la notte per poi averlo al 100% il mattino successivo riflettiamo su quanto appena detto. Al di là del valore del nostro dispositivo, c’è una ragione valida per continuare a rischiare così tanto? Assolutamente no.

Leggi anche:  Wind propone il nuovo iPhone XR ad un prezzo molto conveniente

Per evitare spiacevoli ed inattese conseguenze mettiamo il telefono in modalità aereo quando andiamo a dormire ed effettuiamo una ricarica (anche parziale) appena ci svegliamo. Il tempo di fare colazione e prepararci ad uscire ed il nostro smartphone avrà carica sufficiente per arrivare fino a sera. Possiamo sfruttare la ricarica rapida per abbassare il tempo necessario a ricaricare il telefono.

Una volta che siamo sul posto di lavoro, se è possibile, troviamo una presa di corrente libera e ricarichiamo tenendo d’occhio il telefono. Sappiamo che sembra una cosa fuori dal nostro schema d’uso quotidiano, ma vi assicuriamo che è la scelta migliore da fare per ricaricare lo smartphone in sicurezza.

Fino a questo momento ci è andata abbastanza bene, ma come testimoniano alcuni casi di portata internazionale potrebbe non essere sempre così. Assicurati di seguire queste semplici regole. Ti è mai capitato che un telefono esplodesse nella notte? Sarà successo ad un amico? Faccelo sapere e dicci come hai risolto.

Puoi anche scegliere di prolungare l’autonomia con 3 strumenti indispensabili che ti lasceranno lontano dalla presa di corrente per parecchie ore al giorno.