Telegram X

Telegram X, la versione con l’X Factor di Telegram, ha ricevuto un nuovo aggiornamento software della versione stabile che introduce tantissime novità. Le novità riguardano un numero incredibile di migliorie e correzioni di bug ai quali si aggiungono anche alcune nuove funzioni.

Nello specifico, Telegram X è ora disponibile in francese, tedesco, italiano, malese, malayalam, portoghese, russo, spagnolo e ucraino. E anche se altre lingue sono in arrivo, quello che ci presepe sottolineare è l’introduzione completa del supporto alla lingua italiana che fino ad oggi era un’esclusiva della versione beta.

Gli sviluppatori hanno poi aggiunto il supporto alla nuova versione del robottino verde di Google, Android 9 Pie, insieme alla possibilità di utilizzare proxy HTTP e di inviare immagini, GIF e adesivi dalle tastiere multimediali. Non mancano nuove opzioni per le dimensioni del testo dei messaggi e traduzioni e strumenti per i traduttori.

Infine, anche se ci teniamo a precisare che quello riportato è solo un changelog striminzito perché quello completo è molto più lungo, Telegram X si aggiorna offrendo la possibilità di inviare file dalla directory principale e una descrizione rapida del gruppo e del canale.

Leggi anche:  Whatsapp e Telegram sotto attacco: è arrivato il nuovo avversario delle chat

 

Telegram X, perché installarlo al posto di Telegram?

Telegram X è stato sviluppato come client alternativo a quello ufficiale per essere ancora più veloce ed innovativo della versione normale. Un’app che grazie ad un codice riscritto quasi del tutto ha una nuova interfaccia grafica, nuove funzioni e soprattutto una migliore gestione delle risorse a partire dalla batteria.

 

Telegram X, come scaricarlo e installarlo sullo smartphone

Gli utenti interessati possono scaricare e installare Telegram X sul proprio smartphone ricercando l’applicazione all’interno del Google Play Store o accedendo direttamente a questo indirizzo. Chi possiede già l’app installata e vuole aggiornarla, dovrà aspettare la notifica dedicata o forzarla accedendo sempre al Play Store.

In alternativa, è possibile avviare il download del file APK, che si installa come una normale applicazione a patto di avere attiva l’opzione per i file di origine sconosciuta, anche da APKMirror in modo del tutto gratuito.