SpaceX viene scartato come fornitore per sviluppare razzi per la sicurezza nazionale

L’US Air Force ha assegnato a tre compagnie aerospaziali contratti combinati da 2 miliardi di dollari per sviluppare missili in grado di inviare in orbita satelliti di sicurezza nazionali per il governo degli Stati Uniti.  United Launch Alliance, Northrop Grumman Innovation Systems e Blue Origin di Jeff Bezos, questi sono i nomi. Tuttavia, SpaceX, l’attuale fornitore di lancio per il Dipartimento della Difesa, non è nella lista.

I premi fanno parte dell’ambito “contratto di servizio” di lancio del DOD, o LSA. L’obiettivo del programma è aiutare lo sviluppo di missili commerciali e assicurare che il governo degli Stati Uniti abbia accesso costante allo spazio per i suoi carichi utili per la sicurezza nazionale. Il Dipartimento della Difesa dice che alla fine selezionerà due dei premiati come fornitori ufficiali per il governo degli Stati Uniti, con lanci che inizieranno non prima del 2020.

 

I 3 premi assegnati superano il miliardo

Nel 2024, United Launch Alliance riceverà 967 milioni di dollari per sviluppare il suo nuovo razzo chiamato Vulcan, progettato sulle orme degli attuali razzi della compagnia, l’Atlas V e Delta IV. Northrop Grumman Innovation Systems, originariamente chiamata Orbital ATK, riceverà invece 791,6 milioni per creare un nuovo razzo chiamato sistema di lancio OmegA. Mentre Blue Origin porterà a casa 500 milioni per contribuire allo sviluppo del suo futuro razzo New Glenn, un veicolo orbitale riutilizzabile progettato per atterrare sulla Terra dopo il lancio. Ogni azienda riceverà 109 milioni dei loro premi per l’anno fiscale 2018.

Con quei soldi, Blue Origin dice che cercherà anche di costruire un nuovo sito di lancio dalla Base Aerea di Vandenberg in California per il New Glenn. Inoltre prevede di lanciare il futuro razzo da un ex sito NASA a Cape Canaveral, in Florida, chiamato Launch Complex 36. Ma ora la compagnia avrà due siti su entrambe le coste da cui il razzo può decollare.

Leggi anche:  Nasa e SpaceX testano il razzo che stravolgerà i lanci nello spazio

spacex

Il programma LSA è stato creato come un modo per il Dipartimento della Difesa di smettere di affidarsi alla tecnologia missilistica russa. Nell’ultimo decennio, molti carichi utili per la sicurezza nazionale sono volati nello spazio del razzo Atlas V di United Launch Alliance, che è alimentato da motori russi RD-180. Ma da quando la Russia ha invaso la Crimea nel 2014, il Dipartimento della Difesa ha cercato di eliminare gradualmente l’uso dell’RD-180. Il programma LSA intende porre fine alla dipendenza del governo americano dal motore e creare nuovi sistemi realizzati dai produttori americani.

 

Le parole del segretario dell’Aeronautica statunitense

Il nostro programma di lancio è un grande esempio di come l’Air Force stia crescendo“, ha detto il segretario dell’Aeronautica Heather Wilson in un comunicato. “Stiamo sfruttando al massimo le autorità che il Congresso ci ha fornito e non ci faremo più affidamento sul motore a razzo RD-180 costruito in Russia“.

Anche se SpaceX non è presente in questo elenco, ciò non significa che la compagnia non sarà più in grado di lanciare satelliti per il Dipartimento della Difesa. Piuttosto, significa che SpaceX non otterrà finanziamenti militari statunitensi per i suoi progetti in fase di sviluppo, come il gigantesco razzo BFR che la società spera di inviare attorno alla Luna e su Marte. Il progetto è ancora certificato per lanciare i payload della sicurezza nazionale tramite Falcon 9, e la società spera di ottenere la certificazione per il suo nuovo veicolo Falcon Heavy quando avvierà una missione di test per l’US Air Force il prossimo anno.