Cosa fare quando una recensione su Amazon, in realtà, è un fake? Perchè sì, anche sulla piattaforma di acquisti più famosa al mondo si può incappare in spiacevoli tranelli che ci pubblicizzano prodotti con parole lusinghiere. E noi mettiamo “nel carrello”.

 

Mistero risolto: quando le recensioni sono false

Che cos’è una recensione o recensione falsa? Bene, si tratta di una recensione pubblicata da un dipendente della società o da qualsiasi altra persona con un interesse personale nella vendita di più prodotti.

Questo è un problema serio e si vede principalmente con prodotti venduti da aziende piccole o straniere. È fin troppo facile leggere una media di quattro o cinque stelle e pensare: “Va bene, questo prodotto deve essere buono!“. Poche persone si prenderanno il tempo per indagare su ciascuna delle recensioni.

Il problema è che dozzine o anche centinaia di critiche di questo tipo possono essere false o almeno discutibili. È difficile sapere con certezza, ma ci sono segni rivelatori. Ma Amazon non dovrebbe fare qualcosa al riguardo? Circa un anno fa, la società ha promesso di iniziare a prendere misure forti su quelle recensioni pubblicate in cambio di prodotti gratuiti o scontati.

Leggi anche:  Amazon regala 10 euro per la settimana del Black Friday: cosa fare per averli

 

Occhio a Fakespot

Per prima cosa, abbiamo Fakespot, un sito gratuito che analizza le recensioni di prodotti Amazon per aiutarti a separare quelle genuine da quelle false. Tutto quello che devi fare è copiare e incollare il link alla pagina del prodotto, quindi fare clic su Analizza.

Il servizio offre anche estensioni del browser per Chrome, Firefox e Safari, il che lo rende ancora più semplice da usare: basta fare clic sull’icona di Fakespot sulla barra degli strumenti per un’analisi istantanea. È anche disponibile per Android e iOS per utilizzare Fakespot ovunque tu voglia.

Fakespot analizza critiche o recensioni, nonché le persone che le scrivono, tenendo d’occhio l’ortografia e la grammatica discutibili, il numero di recensioni, i modelli di acquisto, le date non corrispondenti e altri segni che rivelano attività sospette. Ad esempio, se un revisore che è nuovo di Amazon ha pubblicato solo una recensione e utilizza molte parole come “ottimo” o “sorprendente”, tale recensione sarà sicuramente contrassegnata come “inaffidabile”.