Samsung sta prendendo in considerazione un nuovo design per i dispositivi dotati di Edge Display, ossia display curvo. L’intento è inserire dei ritagli per accedere alle funzioni senza rimuovere o aprire la custodia. L’azienda ha recentemente rilasciato un brevetto.

Nello specifico, la documentazione descrive un metodo per controllare una parte del display dello smartphone in base ad una “regione trasparente” che è circa la metà dello schermo. Come mostrato nelle immagini in fondo, ciò consentirebbe agli utenti di controllare la propria fotocamera, accedere ai messaggi o e-mail, navigare sul Web, con il GPS e molto altro senza mai aprire la custodia. Quindi questa custodia sembra trarre vantaggio da quella che sarebbe una progressione delle precedenti iterazioni della tecnologia di visualizzazione.

Trapelato un brevetto Samsung che rivoluziona l’uso dei display curvi con l’ausilio di un’apposita custodia

Samsung non ha rilasciato un telefono “Edge” dal rilascio della sua famiglia di dispositivi Galaxy S7 nel 2016. Quelli erano smartphone Android di punta che avevano uno schermo aggiuntivo lungo un bordo che si curvava dolcemente dalla schermata principale verso il retro del dispositivo. Ha funzionato come una sorta di menu secondario scorrevole per accedere alle applicazioni preferite. Oppure app comunemente utilizzate per mostrare le notifiche anche quando il device non è posizionato con il lato di visualizzazione verso l’alto. Quindi, allo stesso modo di altri Edge Display rilasciati in passato.

Leggi anche:  Display pieghevoli: il mercato crescerà vertiginosamente nel 2022

Sebbene ovviamente non sia così robusta come molte altre, la custodia in questo caso renderebbe più facile per i consumatori utilizzare il proprio dispositivo mantenendo comunque un livello di difesa contro le cadute. Inoltre, sarebbero fruibili molte funzioni senza esaurire la durata della batteria utilizzando l’intero display. Ciò potrebbe anche indicare che Samsung prevede di tornare ai dispositivi abilitati a Edge Display in futuro. La società potrebbe in definitiva seguire un percorso diverso da quello ipotizzato.