whatsapp-pubblicitàIl fondatore di WhatsApp ha rivelato il motivo dell’abbandono di questa piattaforma. Il motivo è una pubblicità mirata che raggiungerà 1,5 miliardi di utenti. Brian Acton, che ha lasciato la compagnia a settembre 2017, ha dichiarato che il capo di Facebook Mark Zuckerberg voleva monetizzare WhatsApp mostrando pubblicità mirata.

Il problema in WhatsApp non sarà tanto la pubblicità, ma il fatto che sia mirata. Cosa rappresenta questo per i dati dell’utente? “La parte della pubblicità mirata è ciò che mi rende infelice“, ha dichiarato il fondatore di WhatsApp alla rivista Forbes, nella sua prima intervista dopo aver lasciato l’applicazione di messaggistica più popolare al mondo.

Ha aggiunto che l’acquisizione di WhatsApp da parte di Facebook per 22 miliardi di dollari significava tradire i suoi principi personali sulla privacy degli utenti, nonostante le assicurazioni di Zuckerberg che non ci sarebbe stata alcuna pressione per monetizzare WhatsApp nei primi cinque anni. “In effetti, ho venduto la mia attività“, ha detto. “Sono un venduto. Lo riconosco“.

Leggi anche:  Whatsapp: nessun messaggio sarà al sicuro con il prossimo aggiornamento

 

La pubblicità arriva già nel 2019

Una portavoce di WhatsApp ha detto che le pubblicità sarebbero state introdotte nel 2019. Tuttavia, ha affermato che i messaggi continueranno a essere crittografati peer-to-peer. Il ​​precedente responsabile di WhatsApp non è soddisfatto di ciò che sta accadendo. Vi ricordiamo che Brian Acton ha già supportato la campagna Delete Facebook che è emersa dopo lo scandalo di Cambridge Analytica in cui sono stati raccolti dati da circa 87 milioni di utenti per l’analisi politica nelle elezioni presidenziali americane del 2016.

Allo stesso tempo, ha anche utilizzato una parte della sua fortuna per supportare un’applicazione di messaggistica rivale chiamata Signal, che si vanta di dare priorità alla privacy degli utenti. All’epoca diceva che le aziende sanno davvero tutto di noi. Vale a dire, chi sono i nostri amici, i nostri interessi e usiamo tutto questo per vendere pubblicità.

Quindi, se ti piace davvero WhatsApp, a partire dal prossimo anno, dovrai imparare a convivere con molti annunci pubblicitari.