Samsung sta cercando di promuovere gli stickers e i filtri AR a un livello superiore utilizzando funzioni di riconoscimento facciale più avanzate. Questo è ciò che suggerisce un nuovo brevetto pubblicato da AndroidHeadlines.

La tecnologia alla base di tale invenzione sfrutta efficacemente le funzioni di riconoscimento facciale per rilevare non solo se un volto è presente nel campo visivo di una telecamera e i confini di quella faccia. Rileva e definisce inoltre varie caratteristiche del viso, come la fronte o la proporzionalità della mascella, per determinare come “sintetizzare” meglio il filtro con quella faccia. Ad esempio, Samsung afferma che tali aspetti possono aiutare alcuni algoritmi interni, presumibilmente costruiti attorno all’apprendimento automatico, a determinare quali adesivi AR sono disponibili e dove posizionarli sul viso.

La tecnologia AR sempre più potente per i filtri della fotocamera utilizzata per i dispositivi Samsung

Le funzionalità con AR sono sempre più popolari da almeno lo scorso anno. Le stesse tecnologie di Samsung sono state introdotte più di recente con AR Emoji. AR Emoji traccia efficacemente l’utente utilizzando algoritmi specializzati. Il fine è generare e consentire la manipolazione diretta di un avatar con una varietà di funzionalità in base alla postura e alla faccia dell’utente. Il brevetto, d’altra parte, descrive il posizionamento di adesivi e elementi simili. Nonché la manipolazione in background e altre caratteristiche basate sugli attributi del volto dell’utente.

Può anche essere applicato a più di un utente all’interno dello stesso frame. Ciò potrebbe essenzialmente consentire all’ambiente di sfondo e ad altri oggetti o elementi AR di essere aggiunti dinamicamente. Sebbene non ci sia alcuna garanzia che Samsung alla fine utilizzi questo brevetto poiché potrebbe sempre trovare un modo migliore per raggiungere lo stesso obiettivo. L’intento è rafforzare la personalizzazione espandendo al contempo la completezza e la dinamicità di tali funzionalità.