androidPresente su oltre un miliardo di dispositivi mobili, il sistema operativo Android è inesorabilmente collegato al Google nordamericano. Innegabilmente popolare, il sistema del “robot verde” ha recentemente festeggiato 10 anni e pertanto vi forniremo 5 fatti ad esso legati.

 

1º – Il sistema operativo Android è “open source”

Questo è forse il particolare più ovvio di questo sistema operativo. Pertanto, Google lo rende disponibile gratuitamente per qualsiasi produttore di dispositivi mobili interessati. In questo senso, i brand non devono pagare alcun tipo di licenza. Dettaglio che ha attirato innumerevoli società.

 

2° – Google può trarre vantaggio da Android

Essere open source, potrebbe a prima vista significare una totale abdicazione dei possibili profitti da parte di Google. Ciò non accade, scommettendo sulla massificazione del suo sistema operativo come principale veicolo di pubblicità. In questo modo, con la pubblicità e con le sue varie app, Google riesce a trarre molto profitto dal sistema operativo Android. Con la crescente popolarità della piattaforma, cresce anche il potenziale di profitto per l’azienda americana.

 

3° Sai come si chiama il famoso robot verde?

No, non è semplicemente chiamato Android ma “BugDroid”. Questo è il nome (non ufficiale) ma affettuosamente dato dai contributori di Google al logo e alla mascotte o simbolo dell’intero sistema operativo. Questo robot verde è famoso in tutto il mondo.
Progettato da Irina Blok, era l’anno 2007 e la piattaforma stava muovendo i primi passi. Da allora il robot verde è globalmente riconosciuto.

 

3° Honeycomb, il più grande fallimento del sistema operativo di Google

Il CES 2011 (International Consumer Electronics Show) è stato il palcoscenico per la presentazione del più grande fallimento dell’intera piattaforma di Google. Non erano consapevoli i suoi sviluppatori, ma il tablet Motorola XOOM sarebbe diventato l’ambasciatore dell’enorme flop ora noto come Android 3.0 Honeycomb. Questa versione del sistema operativo è stata completamente ridisegnata per funzionare su tablet. Di conseguenza, non avrebbe mai funzionato su smartphone e il risultato fu il più grande fallimento della società fino ad oggi.

Leggi anche:  Unieuro festeggia in anticipo il Black Friday, Google Home Mini a 19 euro

 

4° Licenziamenti motivati ​​da Android all’Alto Summit di Apple

L’importanza e l’impatto del sistema operativo Android nel mercato dei dispositivi mobili è stato ben radicato nel 2009. Perché quest’anno? Fu allora che Eric Schmidt, CEO di Google dell’epoca, fu costretto a lasciare l’amministrazione di Apple. In gioco c’erano interessi contrastanti con i piani futuri di Apple per l’industria dei dispositivi mobili. In altre parole, l’emergere di iPhone ha reso incompatibile la presenza di Schmidt, ora CEO di Alphabet, nella compagnia delle mele.

 

5° Ci sono già 24 versioni del sistema operativo di Google

Dal 2008 sono state pubblicate 24 versioni diverse di questo sistema operativo. Al momento abbiamo, di regola, una nuova versione in arrivo ogni anno ad agosto. Pertanto, l’azienda americana ha ora un programma annuale di lanci. Con ogni nuova versione, abbiamo nuove funzioni e l’ottimizzazione del suo funzionamento sulla base delle lezioni acquisite durante l’anno.