eu-copyrightLa proposta controversa della direttiva per proteggere i diritti d’autore su Internet e combattere la pirateria online sta facendo molto discutere. La decisione ha suscitato un applauso in plenaria, descrivendo il risultato come la “fine digitale dell’Occidente” e una “vittoria per tutti i cittadini“.

Un passo eccellente per il futuro delle industrie creative in Europa

La strada per la legislazione finale è ancora lunga. La versione ora approvata sarà oggetto di ulteriori negoziati, in un processo chiuso noto come un “trilogo”, in quanto coinvolge la Commissione europea, il Consiglio europeo e il Parlamento europeo. L’esito di questi dibattiti sarà oggetto di ulteriori voti a gennaio.

La direttiva è stata scritto e riscritta dal 2016. La versione approvata dopo due anni include il controverso articolo 13, che i critici accusano di creare una “macchina della censura“, trattenendo piattaforme online come YouTube e Facebook dal filtrare i contenuti piratati sulle loro piattaforme prima che vengano pubblicate.

A luglio, i deputati hanno votato a favore di più tempo per valutare la loro proposta dopo un’intensa campagna pubblica contro il documento. A quel tempo, Wikipedia non era disponibile in alcuni paesi come protesta.

 

Gli eurodeputati avanzano con la direttiva per creare filtri online

Oltre all’articolo 13, la maggior parte delle critiche centrato sull’articolo 11, che fissa i tassi di pagamento per la condivisione di brani di testo da siti di notizie che seguono i collegamenti per gli aggregatori come Google News. Diversi attivisti per i diritti digitali – tra cui l’inventore del web Tim Berners-Lee – hanno avvertito che la formulazione potrebbe rappresentare una minaccia per la libertà di espressione.

Leggi anche:  Malware: l'Unione Europea mette in guardia nel visitare siti web sospetti

Negli ultimi mesi, i deputati hanno avuto l’opportunità di proporre modifiche alla direttiva esistente (in totale, sono stati inviati oltre 250 ), ma gli articoli controversi sono rimasti.

In una dichiarazione, il Parlamento europeo ha preso atto che i deputati hanno deciso di includere disposizioni al fine di garantire che le regole siano rispettate senza limitare ingiustificatamente la caratteristica libertà di Internet. La condivisione di “meri collegamenti” agli articoli, accompagnata da “parole isolate” per descriverli, non sarà coperta dalle restrizioni. Inoltre, i servizi non commerciali, come le enciclopedie online e le piattaforme di sviluppo di software open source non sono coperti dalla direttiva.

 

Le associazioni sul copyright invitano i deputati a mantenere articoli controversi

Le preoccupazioni rimangono. Non tutti celebrano il risultato. Nei social network, diversi deputati hanno già espresso preoccupazione per il risultato. L’aggiornamento della legge sul copyright è stato inizialmente progettato per limitare la pirateria online e ripristinare l’equilibrio di potere tra creatori e giganti di Internet che consentono un facile accesso al materiale creato da altri (film, musica, libri) senza che gli artisti siano adeguatamente pagati.

Era noto, tuttavia, come una “macchina di censura”, perché una prima versione del testo menzionava l’uso di “tecnologie efficaci di riconoscimento dei contenuti” per monitorare e impedire ai contenuti piratati di raggiungere Internet.