tim wind tre vodafone call center truffe frodiNegli ultimi anni capita troppo spesso di essere chiamati in orari indecenti da numeri mai visti né sentiti e seppur alcuni giorni prima ne abbiamo bloccato uno, poco dopo ritornano con la solita offerta. Stiamo parlando dei call center, centri di chiamate continue dove i dipendenti, dei poveri umani come noi, devono chiamare tutte le persone presenti in un elenco e proporre determinate offerte. Purtroppo per loro lavoratori si sentono dire di no senza neanche aver parlato o aver proposto questa nuova offerta, magari anche conveniente.

Molte volte noi ricevitori di chiamate facciamo bene a dire di no, di non volere l’offerta. È giusto non fidarsi di qualcuno che non si conosce, che non si è mai visto né sentito ed è giuridicamente giustissimo non offrire i propri dati sensibili a queste persone.

Nell’80% dei casi infatti dietro quelle voci gentili si nascondo dei bravissimi truffatori i quali cercano di proporci la migliore offerta per il nostro piano tariffario, magari riuscendo anche a spendere il meno possibile ma in realtà stanno solo rubando i nostri dati: nome, cognome, indirizzi e per le truffe più articolate anche il numero di conto corrente e grazie a tutti questi dati si possono avere delle informazioni e svolgere certe attività che neanche nel momento in cui pensiamo la cosa peggiore, riusciamo ad elaborarlo.

Call Center: attenzione alle offerte proposte telefonicamente

Ma come fanno ad avere il nostro numero e chiamarci anche per nome? Semplice, molte volte nella vita abbiamo firmato dei contratti per l’attivazione di qualunque cosa e nei soliti 3 o 4 posti in cui dobbiamo firmare, non stiamo firmando per ciò che vogliamo ma per trattamento di dati a terze persone.

Leggi anche:  Call Center: le persone temono nuove truffe, ecco come difendersi con Android

Infatti l’azienda X con la quale stiamo firmando questo contratto si impegna a fornire i nostri dati ad altre compagnie le quali sono libere di utilizzarli come meglio credono. Queste clausole sono piccole nel contratto e la maggior parte delle volte, presi dal voler finire velocemente questo contratto, non ci preoccupiamo di leggere, andiamo sulla fiducia nella persona che abbiamo davanti e firmiamo ignorantemente senza leggere le piccole clausole. Purtroppo non sono un reato queste clausole, perché sono ben specificate nel contratto e non è presente nulla di illegale, soprattutto dal momento in cui mettiamo la nostra firma, acconsentiamo tutto.

Per evitare ciò basta innanzitutto leggere bene tutti i contratti che sottoscriviamo, è importantissimo leggere prima di firmare qualunque cosa, sopratutto non firmare mai un foglio bianco ma soprattutto se un qualunque call center ci chiama per attivare un’offerta al nostro numero o per cambiare piano o gestore telefonico, meglio non procedere direttamente per via telefonica: in primis potrebbe esserci un nome dell’offerta molto simile a uno veramente esistente e quindi non lo noteremo, sopratutto perché telefonicamente ciò non è evidente e poi è meglio controllare qualunque cosa prima di attivare, per via telefonica non possiamo leggere tutte le clausole e seppur abbiamo poco tempo è sempre meglio andare presso il centro della compagnia in questione, in tutte le città ce ne sono almeno 5 e perdere un’ora, ma almeno i nostri dati e soldi sono al sicuro.