ho. Mobile: le ultime mosse dell'operatoreChe la sfida tra operatori low cost, e in particolar modo tra ho, Kena e Iliad, non sarebbe stata rose e fiori era chiaro sin dall’inizio. Adesso, però, alcuni dettagli lasciano supporre l’inizio di una battaglia che probabilmente costerà davvero cara a ho.Mobile. Kena sembra cogliere l’occasione per approfittarne e decide di prorogare la sua Kena Summer mantenendosi così all’interno della scena.

Ho.Mobile: rimodulazioni e rincari potrebbero creare problemi all’operatore!

La decisione dell’operatore ho.Mobile, di presentare una nuova offerta aumentandone il costo di ben due euro potrebbe non esser stata così azzeccata. Considerando poi le contemporanee rimodulazioni avvenute riguardo il costo di navigazione ed SMS all’estero, è impossibile non porsi alcune domande.

Innanzitutto è opportuno premettere che la qualità e la convenienza dell’operatore virtuale continuano ad essere grandiose. I rincari effettuati sono, in fin dei conti, minimi e riguardano soltanto casi particolari che in poche occasioni creeranno disagi agli utenti. La promozione da 50GB, inoltre, resta ottima così come il suo rapporto “quantità-prezzo”.
Ciò che fa riflettere è se la mossa attuata dall’operatore sia realmente azzeccata, se  considerata come risposta all’attacco di Iliad o come strumento di contrasto nei confronti di Kena.

Leggi anche:  ho. Mobile rilancia l'offerta con 50 GB in 4G: ecco la sfida di Vodafone a Iliad

Le tre offerte dei rispettivi operatori permettono di ottenere soglie molto elevate a prezzi convenienti. ho. Mobile, con la sua offerta, si distingue da Iliad per ben due euro in più. Un aumento che potrebbe suscitare la perplessità di numerosi utenti. Questi potrebbero decidere di optare per l’operatore francese o rinunciare a minuti ed SMS illimitati e risparmiare ben 3 euro con Kena Mobile.

Per quanto riguarda quest’ultimo, l’operatore virtuale di TIM, la scelta di prorogare l’offerta da 50GB potrebbe esser stata influenzata dalla mossa di ho. Kena continuerà infatti a puntare sull’elevata quantità di traffico dati fino al 30 settembre.