TIM Smart, aumenti per i clienti

Brutte notizie per i clienti TIM rete fissa. L’operatore telefonico sta iniziando ad inviare le comunicazioni di alcune rimodulazioni che aumenteranno i costi delle promozioni. Nello specifico, l’offerta fissa maggiormente interessata dall’aumento è TIM Smart che al mese costerà 1.90 euro in più.

Tutti coloro che hanno attivo TIM Smart si ritroveranno a pagare 1.90 euro al mese in più a partire dal 1 novembre 2018. Questo vuol dire, a conti fatti, un aumento superiore a 22 euro l’anno. Il motivo di questo aumento è uno solo: armonizzare i prezzi delle offerte al fine di garantire migliori livelli di qualità dei servizi.

Una scusa bella e buona per mettere le mani nei portafogli dei propri clienti che allo stesso tempo, sempre a partire dal 1 novembre 2018, si ritroveranno a pagare 2.50 euro per l’invio della fattura. Un aumento di 0.50 euro rispetto ai 2 euro iniziali dovuti per incentivare il passaggio alla fattura digitale.

Questo aumento, infatti, può essere cancellato del tutto abbandonando definitivamente la fattura e tutta la documentazione cartacea. Peccato che questi sono solo alcuni degli aumenti e delle rimodulazioni che sta approvando il reparto commerciale dell’operatore. Oltre TIM Smart ci sarebbe anche aumento per l’offerta Internet Senza Limiti.

Leggi anche:  TIM, parte la caccia ad Iliad con la nuova offerta low cost da 50 Giga

 

TIM Smart, come recedere dal contratto

Naturalmente, tutti coloro che non intendono accettare queste rimodulazioni che cambiano le condizioni contrattuali, possono recedere dal contratto con TIM senza il pagamento di penali o di eventuali costi di disattivazione. Gli utenti intenzionati ad abbandonare l’operatore dovranno farlo entro il 31 ottobre 2018.

Esercitare il diritto di recesso è semplice perché si potrà fare richiesta chiamando il servizio clienti al numero gratuito 187, attraverso la propria area personale o in un qualunque punto vendita dell’operatore. In alternativa, se lo preferite, è possibile inviare anche una comunicazione scritta.

In questo caso si dovrà inviare un’email PEC all’indirizzo disattivazioni_clientiprivati@pec.telecomitalia.it o una raccomandata alla casella postale 111-00054 Fiumicino (Roma). In questo caso si dovrà fornire anche una copia del documento di identità valido del titolare dell’utenza.

Chi dovesse avere attivo il pagamento rateale di un dispositivo potrà scegliere se continuare a pagare le rate come da contratto o se saldarle tutte in un’unica soluzione per chiudere una volta e per tutte le comunicazioni con l’operatore.