spotifySpotify, con più di 70milioni di abbonati e 140milioni di utenti attivi mensilmente, è la più grande piattaforma musicale online; ha funzione di archivio, lettore musicale, motore di ricerca e social network. È possibile cercare le proprie canzoni preferite e scoprirne di nuove, salvarle, ascoltarle quando si vuole e condividere con altri utenti i propri gusti musicali. Permette di suddividere i propri brani in sottocartelle personalizzabili, in modo da poter disporre di playlist organizzate per mood, genere, artista, categoria o altro.

Spotify Premium, vantaggi e costi

Disponibile in più versioni, propone abbonamenti per ogni necessità. La versione free consente sì di ascoltare tutti i brani del catalogo di Spotify, ma solo con connessione internet, interruzioni pubblicitarie, streaming in bassa qualità e riproduzione casuale: ad ogni brano viene automaticamente associata una playlist random, ed è possibile bypassare un pezzo non gradito solo un numero limitato di volte, dopo le quali ci si deve sorbire l’intero repertorio.

La versione Premium depenna qualunque seccatura; permette di rimuovere le interruzioni pubblicitarie e la riproduzione shuffle, scaricare fino a 3.333 brani per dispositivo su un massimo di 3 dispositivi, streaming in alta qualità, ascolto offline e l’utilizzo del device mobile come telecomando per il collegamento a laptop, TV o altoparlanti. Il prezzo, tuttavia, non è indifferente: 9,99€ al mese si accordano ad un’offerta telefonica, e raddoppiare la spesa mensile per la sola musica potrebbe non convenire.

Spotify, con un bacino d’utenza strutturato nella fascia d’età dei 15-34 anni, sta promuovendo una versione per studenti universitari, scontata del 40%: con l’iscrizione tramite e-mail istituzionale, si gode degli stessi benefici dell’abbonamento premium a soli 5,99€ al mese.

Leggi anche:  Apple Music, Spotify, Google Play Music: qual è la migliore app per ascoltare musica

L’abbonamento Premium for Family, invece, offre fino a sei account premium al costo di 14,99€ al mese. Il requisito fondamentale, a dispetto del nome, non è la parentela bensì la residenza: l’account principale, a cui verrà addebitato l’intero importo, può associare un massimo di altri 5 account secondari, purché risiedano allo stesso indirizzo. Con la sola condizione di convivenza, l’abbonamento si estende a coinquilini, coppie di fatto, famiglie e a tutte le realtà che si sviluppano in questo contesto.

Spotify premium, gratuito e legale

Dividendo l’importo di 14,99€ in sei persone, il costo mensile di un account si riduce a 2,50€. Vantaggioso rispetto a qualunque altro tipo di abbonamento, risulta scontato del 58% rispetto alla versione per studenti e del 75% rispetto alla standard. Con un piccolo escamotage, si può ottenere lo sconto del 100%: servirà semplicemente che cinque persone versino 50 centesimi in più; al prezzo di 3 € a testa, il sesto account disporrà dell’uso completamente gratuito, con un risparmio (rispetto al premium standard) di 120€ annui.

Procedendo invece a rotazione, cambiando beneficiario di mese in mese, ogni account godrà di due mesi gratuiti l’anno. Per i più diffidenti, esistono servizi di terze parti —sicuri e legali— che permettono la ripartizione delle quote e l’accredito automatico all’intestatario dell’abbonamento; con tutti questi vantaggi al prezzo di una birra, non c’è motivo per non rivoluzionare le lunghe code, le attese, la vita pendolare… o anche solo la doccia.