Passa a Wind

Wind Tre vuole riacquistare il suo rapporto di fiducia con l’utenza. Il provider purtroppo in questo mese di settembre lancerà alcuni aumenti di prezzo che colpiranno gli utenti di telefonia fissa. Molti contratti con ADSL o Fibra ottica subiranno rincari per una cifra di 2,50 euro ogni mese.

 

Wind rinuncia ai costi d’incasso per le bollette 

Di tanto in tanto, gli operatori concedono anche qualche buona notizia ai loro clienti. E’ il caso di Wind che nelle ultime settimane di estate ha previsto una sorta di compensazione per gli abbonati. Da agosto in migliaia di bollette non sono più contemplati i costi di incasso, la piccola tassa extra sulla fattura che aveva un valore pari a 0,60 centesimi di euro IVA esclusa. Il costo totale era di 0,72 centesimi se si applica anche l’IVA.

Leggi anche:  5G: 2,48 miliardi di guadagni previsti, Linkem e Open Fiber non propongono offerte

Anche se contenti della novità, gli stessi utenti si chiedono quale sia il motivo del provvedimento. Una visione può essere quella già sottolineata della rivalsa in vista degli aumenti previsti per il prossimo aumento. Un’altra via di pensiero è quella che fa riferimento ad una sorta di ammonizione da un ente di controllo non specificato. Ovviamente questo è solo un rumors della rete, senza fondamento.

Insomma, se siete clienti Wind e vi giunge la bolletta a casa vi esortiamo a verificare la presenza dei “costi di incasso”.