L’inesorabile ascesa della tecnologia ha portato con sé molte nuove e difficili domande. La tecnologia è un bene? La dipendenza dai social media sta fratturando la comunità? Ignorare i messaggi è sbagliato?

“Sul serio? Quanto ci vuole per digitare OK? Perché non sei tornato da me? Mi stai ignorando? Mi hai scaricato? Cosa sta succedendo? Sei morto?” Sono solo alcune delle domande che ci poniamo. Ovviamente stanno tutti salvando il mondo da un viaggio di non ritorno e non possono rispondere. La segreteria telefonica in particolar modo è stata l’inizio della fine. A partire dal 2016, più di tre quarti della popolazione adulta del Regno Unito possedeva smartphone, meno di un quarto li ha mai utilizzati per effettuare chiamate vocali in vecchio stile.

Daisy Buchanan ha spiegato il punto di vista sulle generazioni attuali. “Costantemente in contatto tra loro, ma la comunicazione scritta consente di partecipare alla conversazione al ritmo che scegliamo. Non dobbiamo preoccuparci di fraintendere il tono di qualcuno quando le parole sono disposte in bianco e nero.” Il tono è impossibile da indovinare in un testo però, e da qui l’ascesa della GIF.

Visualizzare un messaggio e non rispondere è giustificabile? Per alcuni sì, per la maggior parte no

Apple ci ha derubato del comfort del rifiuto come Whatsapp. Ora i messaggi sono forniti con quei temuti tag “consegnato” e “letto”, automaticamente abilitati su iPhone. Come se ciò non bastasse, anche i punti di sospensione se qualcuno sta digitando, e magari senza mai premere Invia. Il dott. Jean Twenge, autore di Generation Me, vede entrambi i lati dell’equazione. In difesa di chi non risponde, ha detto a Ellys Alyssa Bailey, “Quando sei già preoccupato e stressato, probabilmente non vuoi sottometterti alla preoccupazione e allo stress di dire a qualcuno ‘no’, quindi una facile via d’uscita è ignorare.”

Tuttavia, per quelli di noi che stanno aspettando, aggiunge che non rispondere “non è sempre un modo gentile di comportarsi. Non stai davvero capendo la prospettiva dell’altra persona, pensi solo alla tua“. In effetti, studi recenti hanno dimostrato che non rispondere a qualcuno può causare cambiamenti effettivi nel cervello della persona ignorata. La corteccia cingolata anteriore, la parte del cervello responsabile della rilevazione del dolore, viene attivata sentendosi esclusa.

Leggi anche:  WhatsApp: state attenti all'immagine del profilo, può mettervi in guai seri

L’attivazione a lungo termine di questa struttura cerebrale può manifestarsi in sintomi fisici come stanchezza, mal di testa e persino IBS. Più importante per noi è la persona che ci ignora, più gli effetti sono estremi. Non c’è da stupirsi che “il trattamento silenzioso” sia considerato da molti professionisti del settore medico come una forma di abuso psicologico. George Bernard Shaw scrisse in The Devil’s Disciple che “Il peccato peggiore per i nostri simili non è odiarli, ma essere indifferenti a loro: questa è l’essenza della disumanità “. Se impiegare 10 secondi (o meno) per rispondere “OK” a un testo irritante può impedire al tuo partner, madre, amico o capo di andare incontro a un serio declino, non è qualcosa che vale la pena fare? Sì.