Apparentemente, c’è un bug in giro su Smart Speaker con Google Assistant ma di terze parti. Tutto funziona ancora perfettamente su Google Home, Home Max e Home Mini, ma altoparlanti intelligenti di altri marchi, come Insignia Smart Speaker o Sony LF-S50G, non funzionano affatto.

Alcuni ricevono il suono iniziale che segnala l’utilizzo dell’Assistente Google, ma quest’ultimo eseguirà solo un’attività, e non sempre nel modo corretto. In altri casi si riceve il messaggio “Non so come aiutarti con questo”, o l’usuale “Buon giorno” funzionerà, ma altre cose, come ad esempio “Buona notte”, non più. Quindi gli scenari possibili sono molteplici.

Gli altoparlanti di terze parti non prodotti da Google stanno riscontrando vari problemi con Google Assistant

Google non ha ancora commentato la discussione sui suoi forum di supporto, quindi non è chiaro se stiano lavorando ad una correzione o meno per questi accaduti. Ma sarebbe sorprendente se Google non stesse lavorando a una soluzione, non è un problema qualsiasi. Inoltre, Google è sempre a disposizione per ascoltare e aiutare gli utenti. Soprattutto dal momento che sta influenzando tutti i diffusori di terze parti e non solo una manciata di utenti. È un problema davvero strano per Google Assistant, e sembra che sia iniziato solo nelle ultime due settimane. Quindi forse c’è stato un aggiornamento che è stato eliminato (dal lato server) che ha interrotto la routine cui gli altoparlanti sono abituati.

Leggi anche:  Assistenti digitali: molti utenti hanno problemi di fiducia

Le routine in realtà non esistono da molto tempo, quindi è piuttosto sorprendente vedere questo tipo di problema emergere. Le routine consentono agli utenti di creare comandi diversi combinati tra loro che potrebbero fornire supporto a Google Assistant in una determinata ora del giorno. Ad esempio, per una routine “Buongiorno”, puoi impostare l’Assistente per informarti sulle condizioni meteorologiche, sul calendario di quel giorno, con le varie cose in programma. Oppure può fornirti le ultime condizioni del traffico e terminare con le ultime notizie, mentre sei bevendo il tuo caffè. Le routine sono personalizzabili, sebbene Google abbia alcune routine pronte per l’uso che è possibile abilitare.