radiazioni-smartphoneOra non ci sono timori riguardo alle radiazioni elettromagnetiche emesse dagli smartphone, sebbene molti le considerino ancora un rischio per la salute pubblica. Nonostante queste emissioni dei nostri dispositivi mobili siano inferiori al massimo consentito dall’Unione Europea, esse emettono tra 0,2 e 1,6 W/kg ad un massimo di 2 W/kg – i rischi sono ancora sconosciuti.

Allo stato attuale, non ci sono ancora abbastanza studi per garantire che le radiazioni dei telefoni cellulari siano completamente al sicuro e anche sotto i limiti stabiliti. Alcuni difendono i diritti dei consumatori di preferire a seguire degli accorgimenti e usare una certa cautela con tre piccoli consigli.

 

Consigli da seguire per “difendersi” da un eccesso di radiazioni

Il primo è quello di evitare di portare lo smartphone all’orecchio per rispondere a una chiamata. È preferibile utilizzare auricolari per tenere il dispositivo lontano dalla testa. Se, tuttavia, non è possibile evitarlo, è consigliabile rispondere solo dopo il primo squillo.

Leggi anche:  Galaxy Note 9: memoria e sicurezza da record per il miglior smartphone del 2018

Il secondo suggerimento riguarda ancora le chiamate, che devono essere evitate o ridotte al massimo quando ci si trova in spazi ristretti. Non si tratta solo dell’ascensore o di un garage, ma anche della macchina stessa, uno spazio che molti sfruttano per fare quante più chiamate possibili.

E in terzo luogo, se hai l’abitudine di dormire con il tuo smartphone accanto a te sul comodino, dovresti spegnerlo quando vai a dormire o attivare la modalità aereo. La cosa migliore è tenerlo lontano da noi durante il periodo notturno, e se la scusa è che ti serve la sveglia per svegliarti, puoi sempre comprare un orologio con questa funzione!