Vodafone

L’operatore Vodafone ha annunciato il completamento della fusione tra Vodafone India e Idea. Di conseguenza è nata Vodafone Idea. L’annuncio in questione è stato dato nel marzo 2017 a New York ma l’approvazione dell’NCTL è arrivato solamente quest’anno.

Il Tribunale indiano ha reputato corretta e trasparente la pratica di fusione delle due società. L’obiettivo è quello di realizzare una visione “digital India”, fornendo così benefici per 1.3 miliardi di consumatori.

 

Nasce Vodafone Idea

Vodafone e Idea si sono poste l’obiettivo di offrire servizi mobili innovativi a prezzi convenienti, in questo modo andranno ad aumentare anche la scelta dei consumatori, in un mercato molto competitivo. Vodafone Idea è controllata allo stesso modo da Vodafone e dal gruppo Aditya Birla, il presidente del consiglio di amministrazione è Kumar Mangalam Birla e il CDA ha nominato l’ex CEO di Vodafone India, Balesh Sharma, come amministratore delegato.

Leggi anche:  Call Center: fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio, ecco le nuove truffe

Dopo questa fusione è diventato il maggiore operatore di telecomunicazioni in India, con quasi 410 milioni di clienti. Durante l’ultimo anno India e Idea hanno generato entrate per 585 miliardi di rupie, vale a dire circa 7.1 miliardi di euro. La nuova nata avrà la possibilità di monetizzare la quota dell’11,5% di Idea in Indus Towers alla fine della fusione di Bharti Infratel e Indus Towers, prevista per marzo 2019.

Vodafone infine, deterrà una partecipazione del 29.4% nell’entità congiunta risultante dalla fusione tra Bharti Infratel e Indus Towers. A dare l’annuncio Vodafone stessa sul proprio profilo Twitter, e sempre sulla piattaforma anche Reliance Jio e Airtel India.