Google Now ha rimosso almeno 100 annunci al secondo a partire dal 2017, come rivelato in una recente dichiarazione fornita al Wall Street Journal. La piattaforma di pubblicità digitale dell’azienda è presa di mira da truffatori da molti anni. Il problema persiste nonostante gli sforzi per combatterlo.

Questo venerdì, la filiale di Alphabet ha annunciato una nuova iniziativa. Essa è mirata specificamente a frenare le truffe che si sono moltiplicate negli ultimi tempi. Con effetto immediato, limiterà significativamente qualsiasi tentativo di promozione di servizi di assistenza tecnica di terze parti tramite Google. Il colosso tecnologico di Mountain View, dunque, inizierà a controllare e verificare eventuali parti interessate a pubblicizzare tali soluzioni. Ciò per garantire che solo le aziende legittime siano in grado di sfruttare la piattaforma per raggiungere gli utenti finali. Queste sono state le dichiarazioni di David Graff, Global Product Policy Director presso Google.

Continuano i tentativi di frode tramite falso supporto tecnico, Google ha deciso di intervenire

Il processo di selezione è la soluzione definitiva dell’azienda per combattere i truffatori e non è ancora completo. Ciò nonostante la tecnologia che sta rapidamente lavorando sulla questione, sperando di promuovere l’iniziativa in tutte le parti del mondo entro la fine dell’anno. Molte truffe emerse negli ultimi anni si rivolgono ai clienti Apple. I truffatori si rappresentano falsamente come dipendenti Apple convincendo meno utenti esperti di tecnologia che i loro dispositivi sono compromessi.

Leggi anche:  Google Play Store adesso mostra dove trovare film e Serie TV in streaming

Al momento non è chiaro se Google abbia piani immediati per reprimere annunci non validi che abbracciano altre categorie di prodotti e servizi sulla sua piattaforma. Sebbene la società stia probabilmente monitorando attentamente tutto ciò che potrebbe influire negativamente sul suo principale motore di crescita. Il potere di Google nel mercato della pubblicità digitale è elevato, nonostante le pratiche di recente nel mirino dei regolatori antitrust dell’Unione europea.