Mediaset PremiumMediaset Premium ha avuto delle difficoltà, principalmente dettate dalla mancata acquisizione dei diritti televisivi, che l’hanno portata a dover stringere accordi commerciali con altre aziende, per riuscire ugualmente ad ottenere la visione di particolari competizioni sportive. Nel mese scorso, ad esempio, grazie a Perform sono state rese disponibili la Serie A e la Serie B a tutti gli utenti in possesso di un contratto di abbonamento.

Se per anni Mediaset Premium si è sentita sulla cresta dell’onda con l’esclusività relativa alla Champions League (cavallo di battaglia dell’ultimo triennio), il 2018 ha indubbiamente segnato il raggiungimento di un livello quasi antitetico a quanto visto in passato. La Serie A e la Champions stessa erano un lontano ricordo per i clienti, se poi aggiungiamo la mancata visione dei canali in alta definizione, il risultato finale pare essere tutt’altro che positivo.

 

Mediaset Premium non perde la clientela grazie all’accordo con DAZN

In diversi hanno immediatamente minacciato il recesso del contratto, a patto che non fosse stata trovata una soluzione al problemaMediaset Premium, dal canto suo, ha sempre promesso che non avrebbe deluso nessuno e, dobbiamo ammetterlo, così è stato.

Leggi anche:  Mediaset Premium: tante novità a partire dalla cessione a Sky e il nuovo abbonamento

Grazie al recente accordo commerciale con Perform (proprietaria della piattaforma DAZN), infatti, tutti i clienti di Premium in possesso di un contratto di abbonamento attivo potranno accedere alla piattaforma per vedere 3 partite a settimana di Serie A e l’intera programmazione della Serie B.

L’accesso è completamente gratuito, ma ricordate che gli incontri non verranno trasmessi sui canali di Premium Calcio o Premium Sport (peraltro nella maggior parte dei casi sono stati chiusi), ma sarà sempre necessaria una connessione dati attiva.