offerte fibra telefono fissoTutti a rincorrere le migliori offerte per ADSL e Fibra Ottica senza sapere che da qui a cinque anni il telefono fisso sparirà per sempre. Non è una semplice indiscrezione ma una manovra che ha preso piede in Francia e che ben presto potrebbe essere adottata anche negli altri Paesi UE, Italia compresa.

 

Addio al telefono fisso, offerta ADSL e Fibra Ottica superflue

Gli aumenti di settembre proposti da operatori come Wind Infostrada per il telefono di casa su ADSL e Fibra Ottica potrebbero non essere più un problema per nessuno. La Francia si classifica come trampolino di lancio per l’abbandono del telefono fisso a favore delle comunicazioni senza fili.

Entro il prossimo 2023 potrebbe essere molto difficile contare su una linea cablata e tutto sarà gestito tramite circuito di telefonia mobile. Nella capitale dell’amore ed in Bretagna sono già in corso le prime sperimentazioni interne.

In questo momento oltre il 50% della popolazione non accede ad Internet mentre sono 20 milioni i francesi che si affidano ancora alla linea di casa. Da novembre queste persone potrebbero andare in contro ad un cambiamento epocale che li costringerà ad affrontare problemi di non poco conto.

Leggi anche:  Operatori Virtuali hanno le migliori offerte ma si scelgono ancora TIM, Vodafone e Wind

L’operatore francese Orange ha annunciato che da prossimi mesi non ci saranno offerte che includano la sola telefonia fissa. La situazione è decisamente delicata.

 

Offerte telefono fisso: quale futuroofferte telefonia fissa Fibra Ottica

L’obiettivo dei provider locali è quello di dismettere tutti i telefoni fissi nel giro di 4 anni. Tutte le connessioni basate su standard RJ-11 saranno abbandonate a favore di dispositivi più moderni. In questa categoria rientrano Box e Smart Box da collegare ad Internet.

Una manovra che ostacolerà la fascia di utenza più anziana, costretta ad adeguarsi ad una svolta evolutiva che lascia spiazzati. L’arretratezza tecnologica mal recepisce questo adeguamento e la potenziale finalizzazione del progetto gioca a sfavore degli abitanti dei 14 comuni attualmente coinvolti.

Una diffusione su scala nazionale causerebbe non pochi disagi e si teme che una situazione simile possa manifestarsi anche in Italia e nel resto dell’Unione Europea. A vostro avviso un cambiamento simile come si ripercuoterebbe sulla nostra penisola?