whatsapp-cloneRecentemente, un “clone” di WhatsApp ha suscitato una certa paura tra gli utenti dell’app di messaggistica. GBWhatsApp o WhatsApp GB, questo il nome, non è un’applicazione esattamente nuova, ma ha frequenti aggiornamenti ed emula esattamente il messenger acquistato da Facebook, offrendo alcuni strumenti più interessanti.

Secondo il sito web ufficiale del programma, “GBWhatsapp è una versione modificata di WhatsApp con le ultime e nuove funzionalità” e offre una “esperienza più avanzata” del social network. Tuttavia, l’app è descritta come una mod di WhatsApp (ossia una modifica), ma con “funzionalità e installazione semplici“; essendo questo, “non è necessario alcun login. Nessun problema di sicurezza, ma con tutte le opzioni sulla privacy“, come sottolinea la piattaforma.

Tra le funzioni principali di questo “modello”, ci sono le opzioni di cancellazione per più messaggi, la capacità di inviare video più pesanti e persino la password per l’accesso al programma. Un altro aspetto è quello di poter ricevere conferma (con due spunte blu) senza che altre persone ricevano la tua.

In altre parole, le varie funzionalità possono aumentare prima della modifica del programma stesso e, al tempo stesso, possono essere molto costose in termini di sicurezza. Primo, perché queste “strutture” di utilizzo hanno un pensiero. WhatsApp GB è in grado di connettersi al tuo WhatsApp convenzionale e raccogliere la tua intera lista di contatti. A differenza di Telegram, ad esempio, dove un contatto deve anche scaricare il programma, WhatsApp GB consente di parlare con le persone che hanno installato l’app convenzionale in un modo molto conveniente. Il punto è che per raggiungere tale obiettivo, questo programma abbatte un certo numero di barriere di sicurezza ed elimina la crittografia end-to-end, che protegge e segna i tuoi messaggi.

Un altro aspetto importante è che WhatsApp GB non fa parte dello store ufficiale di Google ed è necessario scaricare un APK esterno per installare il programma. Ciò significa che il software non trasmette alcuna scansione di sicurezza e privacy di Google Play e potrebbe esporre il tuo dispositivo a minacce. Inoltre, vale la pena notare che, sebbene si cerchi di scaricare l’applicazione il link APK originale proviene da un sito di origine araba senza alcuna certificazione di sicurezza. Quindi, se solo l’azione di scaricare un programma al di fuori del Google Play Store può essere già pericoloso, farlo da un sito Web di cui non si conosce l’origine è ancora peggio.

Leggi anche:  Whatsapp ed il nuovo aggiornamento: stanno per arrivare 3 funzioni mai viste

 

Avviso di pericolo

La prima raccomandazione è semplicemente non installare questo programma. Sebbene alcune funzionalità offerte siano interessanti, come quelle citate, tali vantaggi non superano il rischio e l’esposizione a cui è esposto lo smartphone.

Secondo un sondaggio di Kaspersky Lab, quasi il 40% dei consumatori non si preoccupa del contratto di licenza dell’applicazione durante l’installazione. Sapendo questo, gli hacker finiscono per usare questo tipo di sotterfugi per ottenere l’accesso ai dati personali.

Un altro punto sollevato da questo stesso studio è che quasi il 15% non legge i messaggi di installazione di questi programmi, consentendo l’accesso a dati importanti e l’esposizione della privacy. Ad esempio, per WhatsApp GB, è necessario fornire autorizzazioni all’elenco dei contatti, accesso a foto, fotocamera e altre informazioni sensibili. Una delle autorizzazioni, ad esempio, è “aggiungi o rimuovi account, crea account e imposta password, trova account sul dispositivo, leggi le impostazioni del servizio Google“. In breve, dai ampia libertà di accesso al tuo smartphone. Sempre meglio prendersi un po’ di tempo per vedere cosa un programma richiede in termini di autorizzazioni e non fare clic su “avanti” per poter fare un controllo.

Se hai già installato questo programma, ti consigliamo di rimuoverlo dallo smartphone e modificare le password se sono correlate a informazioni di base come date di nascita, numero di telefono o altro. In questo modo, accoppiando informazioni personali, una persona malintenzionata può rompere questo tipo di sicurezza.