luce-blu-smartphoneLa luce emessa dagli schermi degli smartphone può essere molto dannosa per la salute degli occhi e persino portare alla cecità, conclude un recente studio dell’Università di Toledo negli Stati Uniti. La tecnologia è parte della nostra vita quotidiana e questo è un dato di fatto che non possiamo più negare. La gente non è più in grado di “disconnettersi” – come diremmo oggi – e ciò solleva diverse preoccupazioni sull’impatto dei dispositivi digitali sulla salute fisica e mentale.

Gli scienziati statunitensi hanno condotto un’indagine, pubblicata di recente in Scientific Reports, che ha valutato le conseguenze sulla vista della luce blu proveniente dagli schermi dei dispositivi elettronici. Il team ha concluso che un’esposizione prolungata alla luce blu può, oltre a interferire con il sonno, causare danni irreversibili agli occhi e accelerare la cecità. Mentre non era una novità per i ricercatori che l’esposizione alla luce causasse danni alla retina, “il meccanismo sottostante non era chiaro“.

 

Luce blu: la ricerca

L’esperimento, condotto sui topi, mirava ad analizzare la degenerazione cellulare. Secondo gli scienziati, è stato possibile rendersi conto che la luce blu causa danni nella retina, provocando una serie di reazioni che portano allo sviluppo di molecole tossiche.

Queste molecole tossiche causano la morte dei fotori nella retina, un fenomeno spesso associato a degenerazione maculare senile (AMD), una malattia che colpisce la vista e causa una grande proporzione di casi di cecità. In generale, la luce blu emessa da questi dispositivi trasforma le molecole presenti nella retina dell’occhio in molecole “killer” delle cellule dei fotorecettori attraverso il rilascio di sostanze nocive. Di fronte ad altri colori, la luce blu ha una lunghezza d’onda più corta e un’energia più alta.

Leggi anche:  Android: un trucco infallibile per risparmiare la batteria del vostro smartphone

Kasun Ratnayake, uno studente di dottorato presso l’Università di Toledo e co-autore dello studio, afferma che “quando le cellule dell’occhio sono morte, sono morte per sempre“. Ed è un danno irreversibile. “Non è un segreto che la luce blu danneggi la nostra vista danneggiando la retina dell’occhio. I nostri esperimenti spiegano come questo accade, e speriamo che questo porterà a terapie per rallentare la degenerazione maculare, come un nuovo tipo di collirio“, dice Ajith Karunarathne, professore del Dipartimento di Chimica e Biochimica presso l’Università di Toledo e autore dello studio.

Durante l’esperimento, i ricercatori hanno anche introdotto molecole retiniche in altri tipi di cellule, come le cellule cancerose che, quando esposte alla luce blu possono anche morire. “La tossicità generata nella retina dalla luce blu è universale. Può uccidere qualsiasi tipo di cellula“, conclude Karunarathne. Gli scienziati consigliano di utilizzare occhiali che filtrano la luce ultravioletta e blu ed evitano l’uso di dispositivi in ​​luoghi bui.