La funzionalità “lazy loading” sarà implementata su Chrome Canary. Fa parte degli sforzi di Google per garantire che il browser sia il migliore e il più veloce disponibile.

Il processo prevede di concentrarsi sul caricamento di testo e altri elementi già presenti sullo schermo dell’utente prima di iniziare a caricarli più in basso in una data pagina. Più direttamente, qualsiasi testo ha la precedenza sulle immagini e su altri fotogrammi. Per chiarezza, il concetto di caricamento lento è stato utilizzato da alcuni sviluppatori web per più di dieci anni. Quindi questa non è affatto una nuova idea. Tuttavia, la sua implementazione in uno dei browser più popolari al mondo significa che quasi tutti i siti Web sono potenziati da questo tipo di funzioni.

Secondo quanto riferito, Google ha dimostrato che la nuova funzione ha accelerato il caricamento delle pagine tra il 18 e il 35%. Dovrebbe anche salvare i dati, presumibilmente. Infatti, la maggior parte delle visite ai siti Web non richiede necessariamente molto scorrimento, con gli utenti che fanno clic più rapidamente sulla home page e altro. Anche se non ci sono garanzie che la funzionalità possa mai uscire dalla versione beta.

Leggi anche:  Google Chrome delude: rimossa una funzione molto utilizzata dagli utenti

Google Chrome Canary permette di rendere più rapida ed efficiente la navigazione con la nuova funzione sul caricamento

Gli utenti dovranno attivare due flag separati nel menu delle impostazioni nascoste che si trova in “chrome: // flags” poiché il caricamento viene suddiviso in due diverse funzioni per il test. Una ricerca sia per “# enable-lazy-frame-loading” che “enable-lazy-image-loading” su quel sito mostrerà i flag appropriati da abilitare. Chrome dovrà essere riavviato dopo l’attivazione di ciascuno di essi.

Al momento non ci sono scadenze per le funzionalità. Nel frattempo, la società sta anche lavorando per garantire che gli sviluppatori web che vogliono evitare tutto ciò per qualsiasi motivo non siano obbligati a farlo. Ciò significa lavorare in collaborazione con l’organizzazione degli standard web del World Wide Web Consortium per ideare un codice HTML che lo disattivi. Al momento della stesura di questo articolo, l’attenzione di tali sforzi è centrata attorno a singoli elementi. Ad esempio, il codice verrebbe incorporato in un frame specifico per impedire il caricamento lento, consentendone il caricamento immediato.