sony android

In due occasioni diverse, Sony ha elencato quali smartphone riceveranno l’importante aggiornamento ad Android 9 Pie. Con la seconda lista hanno anche posticipato la data dei primo di due mesi, al massimo tre; in molti se ne sono accorti e quindi sono arrivate delle spiegazioni dalla compagnia stessa. A dire si tratta della stessa infografica mostrata precedentemente, ma non a tutti è chiara.

Il processo è diviso in due fasi e la prima prevede la consegna del file originale da parte di Google attraverso una piattaforma chiamata Platfom Development Kit. Sempre attraverso la PDK, il produttore è in grado di mettere mano al file è sviluppare la propria versione e anche di testarla. Fatto questo, Sony e gli altri produttori provvedono ad aggiungere il nuovo software al oro sistema per poi utilizzare l’Hardware Abstraction Layer.

 

Android 9 Pie e Sony

Questo passaggio consente al nuovo file di funzionare ed interagire con l’hardware dei diversi smartphone della compagnia; ognuno ha qualche peculiarità e qualcuno potrebbe rigettarlo. Da lì in poi inizia un’altra serie di test per vedere se il software funziona con le funzioni basilari quali chiamate, navigare in Internet e tanto altro. Viene visto anche se la versione funzioni con l’interfaccia grafica e le caratteristiche personali che ogni produttore mette nei suoi dispositivi. Da qui, inizia la fase dei test da parte da parte devi vari tester, interni ed esterni alla società.

Leggi anche:  Android: 80 applicazioni sono GRATIS ed in sconto per tutti i telefoni

La seconda fase del processo vede un lavoro di certificazioni, come quella Bluetooth e Wi-Fi, e di processi d’approvazione. Quando l’aggiornamento va in porto, si continua a monitorare il funzionamento e la risposta dell’utente finale.

Se avete uno dei dispositivi della prima chiamata, non vi resta che aspettare 2/3 mesi.