facebook-drogheGli analgesici narcotici (oppioidi) sono farmaci che simulano l’attività delle endorfine, sostanze che il corpo produce per controllare il dolore. Sebbene, a livello medico, alcuni siano prescritti per questo scopo, il suo uso o abuso può avere conseguenze strazianti. E le statistiche recenti lo confermano.

Il consumo di sostanze oppiacee negli Stati Uniti è aumentato quest’anno. Secondo una pubblicazione del Center for Disease Control, quest’anno ci sono stati circa 30.000 decessi per overdose di oppiacei sintetici, con un aumento considerevole rispetto ai 20.000 del 2017.

 

Ma cosa c’entra Facebook con questo?

Oltre a tutto, questi analgesici come Xanax, OxyCotin, vengono spesso acquistati online, senza alcuna restrizione. È stato appreso che attraverso Facebook, molti distributori promuovono questi farmaci. E sembra che quest’ultimo abbia adottato misure drastiche in materia.

Secondo a una fonte anonima, Facebook starebbe bloccando pubblicazioni, pagine e gruppi per le ricerche di “OxyContin”, “Xanax”, “fentanil” e altri oppiacei, così come le altre droghe come “LSD”, dopo i dati allarmanti che sono stati pubblicati sul New York Times. Inoltre, la fonte assicura che il motore di ricerca restituisce solo i video di social network, spesso notizie che deplorano l’abuso di oppiacei e profili utente i cui nomi corrispondono alle ricerche. Ciò rende molto più difficile per i potenziali acquirenti o tossicodipendenti connettersi con i distributori tramite Facebook.

Leggi anche:  Facebook Messenger: arriva la conferma ufficiale per la funzione migliore di sempre

Ma questo non ha impedito ai trader di passare ad altre “strategie” di vendita. Molti distributori hanno deciso di includere nomi di droghe nei loro nomi profilo di Facebook. In alcune ricerche, il social network fornisce informazioni per aiutare i tossicodipendenti mostrando referenze di trattamento riservate e informazioni sull’uso, la prevenzione e il recupero di sostanze.

Quando le persone cercano aiuto contro l’abuso di stupefacenti o cercano di comprarli, verranno indirizzati alla linea di assistenza SAMHSA nazionale. In questo senso, Facebook afferma di voler aggiornare costantemente la sua piattaforma per evitare che queste persone eludano le sue politiche sulle droghe e ora ha rimosso tutti i contenuti non conformi. In tal modo, blocca i termini associati con vendite di droga ed eliminando migliaia di termini suggeriti come ricerche.