android-google10 anni fa, in queste stesse settimane, il primo iPhone di Apple è stato messo in vendita e il settore fu praticamente ridefinito. Ma 15 mesi dopo, Google si è intromesso nella festa. Il primo telefono Android di Google è stato introdotto il 23 settembre 2008 in partnership con T-Mobile. Lo smartphone, chiamato G1, oggi sembra piuttosto una rarità, un’eccentricità: ha una cornice voluminosa, una tastiera fisica scorrevole e una rotella di scorrimento come il BlackBerry, oltre al touch screen.

Anche così, quel dispositivo iniziò ufficialmente la più feroce battaglia tecnologica del secolo. All’inizio del 2011, il sistema operativo Android era diventato la piattaforma di smartphone più popolare negli Stati Uniti e l’allora CEO di Apple, Steve Jobs, non rimase a guardare.

 

Apple vs Google Android

Apple ha creato il moderno smartphone come lo conosciamo oggi, ma Android è riuscito a dominare il mercato con prezzi bassi e attraverso numerose collaborazioni con gli operatori. Un incredibile 86% degli smartphone venduti nel mondo nei primi tre mesi di quest’anno sono con sistema operativo Android.

Nel 2005, Google ha acquistato Android, quindi una piccola impresa, per acquisire una base più solida nel mercato dei dispositivi mobili. Nel 2006, il team di Google Android ha lavorato sulla progettazione del proprio software e su un telefono cellulare simile al BlackBerry.

Poi, Jobs ha introdotto un dispositivo radicalmente diverso nel gennaio 2007. Il leader di Android, Andy Rubin, era in macchina quando il lancio iniziò e chiese all’autista di far presto per seguire la diretta online. Il telefono lanciato da Android nel 2008 aveva uno schermo tattile più grande, come l’iPhone, ma questo non rappresentava una minaccia per Apple per via della sua strategia.

A differenza di Apple, Google ha reso Android una piattaforma aperta. Ciò significava che i produttori di telefoni potevano utilizzare e adattare il sistema operativo Android ai loro dispositivi. Nel 2010, il mercato degli smartphone è stato invaso da dispositivi attraenti che avevano il sistema operativo Android, ma erano di marche diverse come Motorola, Samsung e HTC, e allo stesso modo i loro prezzi variavano. Infatti, solo un paio di dispositivi con Android sono stati effettivamente prodotti da Google. Uno è il Nexus e l’altro, più recente, è il Pixel.

Leggi anche:  Samsung presenta i QLED TV 8K con Real 8K Resolution e 8K AI Upscaling [IFA 2018]

Per Jobs, era come un’eresia. Il CEO di Apple riteneva di dover operare un controllo attento dell’esperienza dell’utente. Ma il fatto di usare Android può variare notevolmente da un dispositivo all’altro. “Android è molto frammentato“, ha dichiarato Jobs in una teleconferenza sui suoi guadagni nel 2010. “Gli utenti dovranno capire questa situazione“.

Dietro le quinte, tuttavia, Jobs potrebbe essersi sentito minacciato. Microsoft aveva già superato Apple nel rendere il suo software disponibile ai produttori di computer. In una biografia di Jobs, pubblicata poco dopo la sua morte nel 2011, è citato come avesse dichiarato guerra ad Android, che definì un “prodotto rubato“. Jobs promise di “spendere ogni centesimo” delle migliaia di milioni di Apple per “porre rimedio alla situazione“.

E andò ben oltre la retorica. Apple ha trascorso diversi anni a combattere le cause sui brevetti contro i produttori che hanno utilizzato il sistema Android, come Samsung e Motorola.

La guerra degli smartphone stava funzionando molto bene per entrambi. Recentemente, Google ha raggiunto la cifra mensile di 2 miliardi di dispositivi Android attivi. Ciò garantisce che anche i prodotti Google generino entrate come Gmail, Google Search e Google Maps.

Nel frattempo, Apple continua a sfruttare quasi tutti i vantaggi del settore dei telefoni cellulari per conquistare il mercato di fascia alta. E guadagna molto più denaro con il suo sistema operativo iOS rispetto a quello prodotto da Google con Android. Apple ha venduto iPhone e iPad per 36.000 milioni di dollari nei primi tre mesi di quest’anno. Alphabet, la casa madre di Google, ha registrato vendite per quasi 3,1 miliardi di dollari per lo stesso periodo nella sua categoria “altre entrate”, che includono i suoi prodotti hardware e l’app store di Google Play.

Ma la base di Google non è l’essere un’azienda che produce hardware: è una società pubblicitaria. E l’OS del robottino posiziona Google per fatturare di più per la pubblicità mobile.