posteitaliane postepayNon ci sono buone notizie per i clienti di Poste Italiane. I tentativi di frode online, rivolti ai titolari delle carte prepagate, si stanno diffondendo in modo spropositato. Per gli utenti diventa sempre più complicato proteggere i propri risparmi ed evitare gli inganni.

Il phishing è stato fino ad ora lo strumento più utilizzato dai cyber-criminali ma l’ultimo tentativo di frode arriva agli utenti tramite SMS.

Truffe online: ecco l’ultimo tentativo di frode online che sta minacciando gli utenti!

Nelle ultime ore è stato segnalato un nuovo tentativo di frode online che, tramite SMS, minaccia gli utenti. La tecnica utilizzata è molto simile a quella adottata dai truffatori che diffondono email phishing ma, in questo caso, è definita smishing. L’unica differenza tra le due truffe sta nello strumento utilizzato per divulgarsi. Il phishing è solito colpire gli utenti tramite email intimidatorie che richiedono alla vittima i suoi dati, lo smishing ha lo stesso scopo ma si diffonde tramite SMS.

Truffa online

Qui forniamo il testo del messaggio segnalato insieme ad alcuni consigli efficaci che permettono di riconoscere le truffe online ed evitarle.

“Gentile cliente, abbiamo sospeso il suo conto temporaneamente. Per favore aggiornare il suo conto. Cliccare qui www.prepagatacarta5333.com, grazie”. 

Il sito fornito dai truffatori è uno dei tanti siti poco affidabili che stanno circolando negli ultimi giorni. I clienti di Poste Italiane sono invitati a cliccare sul link fornito per aggiornare i loro dati ma la pagina alla quale avranno accesso sarà soltanto un sito clone che permetterà ai malfattori di ottenere le loro credenziali. E’ importante non farsi spaventare da una comunicazione del genere. Nessuna azienda comunica problemi relativi alle carte tramite SMS.

Leggi anche:  PostePay: la sicurezza delle carte è clamorosa ma le truffe tentano di svuotarle

In questi casi è opportuno non cliccare sul link presente nel testo, non inserire i propri dati e, soprattutto, ignorare ed eliminare l’SMS.  E’ opportuno consultare il sito ufficiale della Polizia Postale e le guide presentate dai vari enti, tra cui lo Sportello dei Diritti, che mirano a proteggere gli utenti dalle minacce diffuse nel web. Non sono poche le denunce esposte negli ultimi mesi riguardanti furti subiti online ma nonostante ciò l’unica soluzione efficace continua ad essere l’attenzione da parte dell’utente.