Netflix: il CFO David Wells lascia la società in un momento delicato

Le azioni di Netflix stanno subendo un lieve calo dopo che la società ha annunciato che David Wells, Chief Financial Officer, è pronto a dare le dimissioni.

Wells è entrato in Netflix nel 2004, quando la società era ancora un’azienda di noleggio e consegna di DVD. Ha assunto il ruolo di CFO nel 2010, tre anni dopo il lancio ufficiale della sua piattaforma di streaming. Inoltre, Netflix ha notato che Wells intende aiutare la compagnia a trovare il suo sostituto prima di abbandonare la nave. Inoltre, al contrario di come si possa pensare ha deciso di lasciare l’azienda per seguire la sua missione. “Dopo aver discusso sul mio desiderio di apportare un cambiamento con Reed, abbiamo concordato che con la solida posizione finanziaria e gli entusiasmanti piani di crescita di Netflix, questo è il momento giusto per aiutarci a identificare il prossimo leader finanziario dell’azienda“, ha detto Wells in un’intervista.

 

L’anno fiscale di Netflix non è stato dei migliori

Netflix ha chiuso l’anno fiscale 2010 con poco più di 20 milioni di abbonati. Quello stesso anno, quando Wells prese il posto di Chief Financial Officer, la società di streaming registrò ricavi per l’intero anno di 2,16 miliardi. Netflix ha visto le sue entrate aumentare del 43% circa raggiungendo 3,91 miliardi lo scorso trimestre.

Netflix ha visto i suoi guadagni salire da 0,15 cent per azione a 0,85 nel secondo trimestre, mentre la sua linea di tendenza è aumentata vertiginosamenteQuesti sono entrambi grandi segnali per l’azienda e gli azionisti.bEppure, le azioni di Netflix sono crollate di poco più del 14% da quando ha riportato i risultati finanziari del Q2 il 16 luglio.

Leggi anche:  Devil May Cry, annunciato ufficialmente un anime, forse su Netflix

Netflix ha aggiunto 5,2 milioni di nuovi abbonati lo scorso trimestre, arrivando sotto la soglia di previsione di 6,2 milioni. Inoltre, a 700.000, la società ha perso la sua proiezione di crescita negli Stati Uniti di 1,2 milioni. Anche le previsoni internazionali non sono andate come speravano, dei 5 milioni previsti solo 4.5 milioni di utenti si sono abbonati.

Gli abbonati sono in calo continuo

La società ha chiuso il trimestre con oltre 130 milioni di abbonati in tutto il mondo, con un aumento di circa il 25% rispetto ai 104 milioni del periodo precedente. Tuttavia, NFLX aveva superato le sue previsioni sugli abbonamentii in sette dei nove periodi precedenti. La società aveva anche superato la soglia del primo milione nel primo trimestre, superando di 2 milioni anche il traguardo del quarto.

Netflix ha affermato che non c’è nulla di sbagliato nel suo business e che ha semplicemente sovrastimato la crescita degli abbonati. Ma gli investitori potrebbero diventare più scettici dal momento che il mercato dello streaming è diventato così affollato.