Apple addio applicazioni

L’azienda Apple, sappiamo tutti molto bene che è sempre attenta e cerca costantemente di accontentare i propri clienti nel produrre i dispositivi. Questa volta ha deciso, andando anche contro alcuni sviluppatori, di cancellare moltissime applicazioni dal proprio Store.

Diversamente da Google, l’azienda di Cupertino ha un regolamento molto più rigido che riguarda le applicazioni da pubblicare sul proprio Store. Per questo motivo, molte applicazioni disponibili per Android non esistono per i dispositivi iOS.

 

Apple ha eliminato tantissime applicazioni dallo Store

L’azienda ha da poco rilasciato le nuove policy di revisione delle applicazioni da pubblicare all’interno del suo Store. Lo scopo finale è quello di ridurre le applicazioni per scommesse. Le rimozioni hanno colpito anche applicazioni che non hanno nulla a che fare con il gioco d’azzardo. Moltissime applicazioni per scommesse illegali sono state eliminate dallo Store, introducendo anche il divieto assoluto per app simili.

Tra le novità recenti, segnaliamo anche la rimozione delle commissioni per gli affiliati App Store da ottobre e anche l’arrivo in Italia degli spazi pubblicitari disponibili per tutti gli sviluppatori. Il messaggio inviato da Apple agli sviluppatori precisa che la mossa dell’azienda punta a ridurre le applicazioni per scommesse e anche quelle che utilizzano denaro reale per l’esperienza scommesse.

Leggi anche:  Apple: quattro giorni di sconti pazzi in occasione del Black Friday

Ecco le parole precise dell’azienda: “Al fine di ridurre le attività fraudolente su App Store e soddisfare le richieste del governo di affrontare attività illegali di gioco d’azzardo online, non consentiamo più le app di gioco presentate dai singoli sviluppatori. Sono Incluse sia app per scommesse con denaro reale che app che simulano l’esperienza delle scommesse. Di conseguenza, questa app è stata rimossa dall’App Store. Sebbene non sia più possibile distribuire app per scommesse da questo account, è possibile continuare a inviare e distribuire altri tipi di app all’App Store“.