La scorsa settimana Motorola ha annunciato ufficialmente Moto Z3, quello che sembra essere il primo smartphone al mondo aggiornabile alla versione 5G. Nonostante le varie dichiarazioni, pare ci siano intenti ben diversi.

Le Moto Mod dell’azienda sono generalmente compatibili con tutti i dispositivi della serie Moto Z. La nuova 5G Moto Mod funzionerà solo con Moto Z3. Ciò consentirà al dispositivo di comunicare con la prossima generazione di reti wireless, in vista di prestazioni e applicazioni rivoluzionarie“. Queste sono state le parole dell’azienda. Il fatto è che niente di tutto questo è importante poiché si preannuncia essere solo una trovata pubblicitaria.

Il numero di perplessità per Moto Z3 5G è davvero sorprendente. Prima di tutto, c’è il problema delle reti; poiché la Moto Z3 è un esclusivo Verizon. La 5G Moto Mod apparentemente sarà compatibile solo con la rete 5G offerta dal più grande fornitore di servizi mobile del paese. Quando il nuovo Moto Z3 arriverà nei negozi il 16 agosto, non sarà in grado di comunicare con le reti 5G perché non ci sarà ancora nessuna connessione. Inoltre il dispositivo e la sua 5G Moto Mod probabilmente non offriranno il 5G wireless nemmeno entro il 16 agosto 2019. Verizon ha sicuramente impegnato risorse significative per la R & S 5G. Tutti i piani che ha rivelato finora su questo fronte sono focalizzati esclusivamente sulla sua soluzione di accesso wireless alternativa ai tradizionali servizi Internet a banda larga.

Trattasi forse del primo smartphone 5G negli USA, arriva Moto Z3, ma i dubbi sulla veridicità della notizia sono notevoli

Tutto ciò che riguarda Los Angeles e Houston che ricevono il 5G quest’anno è fondamentalmente solo una promessa di un servizio a banda larga migliore che probabilmente sarà tutt’altro che economico. Nel frattempo, il prezzo del 5G Moto Mod non è stato annunciato, ma dovrebbe essere abbastanza alto, in particolare perché include anche una batteria da 2.000 mAh. Quindi minimo 150 dollari. Sacramento è l’unica altra città che è stata finora confermata come destinata a ricevere 5G FWA nel momento in cui la 5G Moto Mod verrà rilasciata all’inizio del 2019.

Leggi anche:  Asta 5G: Vodafone e Tim in pole position nella corsa alla banda da 3700 MHz

Se si dovesse ignorare il problema del servizio e della disponibilità e si presume che effettivamente utilizzeranno il Moto Z3 per le connessioni 5G, c’è la questione delle prestazioni. I produttori stanno esaminando soluzioni di raffreddamento in rame che finora erano assolutamente sconosciute nel contesto delle applicazioni per smartphone. Quindi, quella batteria da 2000mAh di cui sopra inclusa nel 5G Moto Mod non è un bonus, è una necessità. E probabilmente non sarà sufficiente, come suggerisce l’esempio dell’HTC ThunderBolt 2011, il primo dispositivo 4G al mondo. Come la storia ha già dimostrato, essere il primo telefono a supportare uno standard wireless completamente nuovo non è necessariamente una buona cosa.

In generale, c’è la mancanza di supporto 5G nativo. Inoltre, prestazioni 5G discutibili, la disponibilità estremamente limitata della prima ondata del servizio 5G di Verizon e il fatto che la rete in questione non sarà mobile, ma un’alternativa a Internet a banda larga accesso. Dunque è davvero difficile descrivere Moto Z3 Play come un “vero” telefono 5G. Insomma, negli Stati Uniti dovranno indubbiamente esser pazienti prima di poter realmente affermare di aver acquistato uno smartphone 5G a tutti gli effetti.