facebook privacy bancaFacebook prosegue imperterrita verso il cammino delle violazioni nei contesti della privacy e della sicurezza, nonostante le raccomandazioni dei vari organismi internazionali di vigilanza e tutela intervenuti in quello che è stato lo storico caso di Cambridge Analytica. Ma le vecchie abitudini sono dure a morire ed il social network pare assai restio a cambiare atteggiamento.

Secondo il Wall Street JournalFacebook conosce i dati bancari di tutti gli utenti, compresi anche i movimenti e le transazioni in entrata ed in uscita gestiti tramite le carte di credito.

 

Facebook: nuovo scandalo sul furto dati in banca

Mentre tenta di far innamorare giovani e meno giovani grazie alla sua nuova piattaforma di incontri, Facebook scatena l’odio di tutti quanti dopo le recenti scoperte che hanno portato all’evidenza dei fatti: i nostri dati bancari sono finiti in mano a Zuckerberg. Ci sono gli estremi per un nuovo caso, se non fosse per il fatto che in merito non vi sono notizie ufficiali, nonostante le fonti siano attendibili.

Le banche, d’altra parte, tacciono in luogo del fatto che un approccio d’intesa bilaterale con Facebook significa potenziali nuovi clienti. Alcuni istituti statunitensi si sono ritirati preventivamente dalla trattativa, ma molti altri hanno aderito offrendo:

  • tutti i dati delle carte di credito
  • Tutti i movimenti bancari per trasferimenti, acquisti ed accrediti di stipendio e pensione
Leggi anche:  Facebook vuole rassicurare: nessuna intrusione nelle applicazioni di terze parti

Il confine tra violazioni e privacy – sicurezza è assai sottile e si rischia un nuovo caso internazionale. In questo frangente si è andati ben oltre la semplice pubblicazione di stati, emozioni, fotografie e ricordi. Il fatto che i dati bancari siano in mano ad estranei non suona affatto bene all’orecchio degli utenti, che adesso hanno perso totalmente fiducia nel sistema.

Fortunatamente, in Italia abbiamo il GDPR che vigila sulle restrizioni da imporre al trattamento dei dati personale ed agli accessi ai nostri profili. Ma nonostante le raccomandazioni sappiamo bene che Facebook è piuttosto perseverante quando si tratta di spiare il prossimo. Occorre tenere sotto controllo la situazione.

Seguiteci per scoprire tutti i dettagli sulla questione e sull’apertura di una nuova potenziale inchiesta sull’accaduto. Voi che cosa ne pensate? Esprimete il vostro punto di vista sulla questione.