Sembra proprio che gli utenti iPhone vivranno presto in un mondo senza dongle. O, almeno, l’immediato futuro ci presenterà la mancanza del connettore jack audio all’interno della confezione del dispositivo. Secondo un rapporto di MacRumors, i nuovi iPhone 2018 non presenteranno l’adattatore. Il creatore del dongle, Cirrus Logic, avrebbe confermato il passaggio a Barclays.

Apple ha introdotto il dongle insieme all’iPhone 7 e 7 Plus nel 2016. Lo stesso anno ha deciso di eliminare il jack audio, nel tentativo di spostare l’attenzione su soluzioni wireless. Questa decisione ha scatenato diverse polemiche e non è stata accettata  da molti utenti. Inoltre, si tratta di un accessorio molto facile da perdere, considerando che le dimensioni sono alquanto contenute.

Il futuro del wireless sta sicuramente arrivando, ma non è ancora tra noi. Ciò significa anche che gli utenti dovranno spendere 9 dollari se vorranno continuare ad usare questo speciale adattatore. Inoltre, il colosso di Cupertino è diventato di recente la prima compagnia negli Stati Uniti a raggiungere il valore di un trilione di dollari. Poco dopo, la società ha però dovuto fare le spese con un’ammenda da 145 milioni di dollari per la violazione di un brevetto.

Leggi anche:  I numeri della tecnologia in Italia e nel resto del mondo

 

Le confezioni dei nuovi iPhone non includeranno l’adattatore per il jack

 

I brevetti riguardano la tecnologia di comunicazione wireless. Apple ha inoltre confermato che intende presentare ricorso contro la decisione. Si tratta di un fatto risalente al 2013 quando la giuria statunitense si è pronunciata a favore del gigante di Cupertino e nella quale WiLan aveva richiesto dei danni per un valore di 248 milioni di dollari.

Questa volta entrambe le società si trovano ad avere violato un brevetto. Non si sa molto sulla causa, quindi non è chiaro se le due aziende raggiungeranno un’accordo. In precedenza, Apple è stata condannata a pagare 502,6 milioni di dollari alla VirnetX Holding Corporation dopo che la società ha perso una causa sempre relativa alla violazione di un brevetto.