Amazon

La piattaforma di e-commerce Amazon nell’ultimo anno si è evoluta molto, aggiungendo moltissime novità e togliendo funzioni abbastanza vecchie. L’ultima indiscrezione riguarda una tecnologia molto apprezzata sulla piattaforma.

Solo qualche giorno fa abbiamo scoperto che Amazon è intenzionata a vendere i prodotti di ePrice nel suo marketplace. Nel 2020 invece, potrebbe dire addio al software Oracle.

 

Amazon nel 2020 dirà addio al software Oracle

L’azienda di Jeff Bezos ha intenzione di abbandonare il software Oracle entro il 2020. È da qualche tempo che Amazon si sta progressivamente staccando dai database di Oracle e mira a sponsorizzare la propria infrastruttura cloud, Amazon Web Service. Secondo Larry Ellison, quello dell’azienda è solamente un bluff.

Secondo Ellison infatti, Amazon non riuscirà ad andare avanti da sola e in una nota l’azienda spiega che la piattaforma ha appena investito 60 milioni di dollari in software. In molti si stanno domandando se la tecnologia dell’azienda di Jeff Bezos sia abbastanza efficacie da poter eliminare quella di Oracle.

Leggi anche:  Amazon: ritorna la tensione sui turni in vista del Black Friday

Amazon Web Service è al momento il più grande player nel mercato del cloud e sta attaccando il core business di Oracle attraverso tool progettati per sottrarre clienti. Sicuramente questa decisione fa ben capire l’ascesa di Amazon in questo settore. L’azienda ha infatti da poco superato anche Alphabet, diventando conseguentemente la seconda azienda più quotata al mondo, Oracle invece è sempre nella stessa posizione di ben 4 anni fa. Non ci resta che attendere per scoprire cosa ci riserva il futuro.