Agenzia delle Entrate

In Italia è arrivato un po’ di maltempo e con esso anche le cattive notizie: a quanto pare, diversi utenti stanno ricevendo delle comunicazioni via posta elettronica, con le quali l’Agenzia delle Entrate comunica di eventuali rimborsi fiscali, che ahimè, potrebbero rivelarsi anche ottimi.

Ci riferiamo ad essi con il condizionale poiché, come più volte è stato ribadito, non è oro tutto ciò che luccica e, difatti, si tratta di un ennesima truffa e non di qualche opportunità di raccogliere qualche risparmio o di festeggiare andando a cena fuori.

Ebbene sì, agosto è iniziato ma con esso si è già diffusa la seconda truffa che promette agli utenti qualcosa ed invece li lascia con il conto corrente vuoto.

L’email incriminata

Nelle email che avvisano gli utenti dei rimborsi, vi è sempre un elemento in comune: l’impossibilità di portare a termine l’operazione in seguito ad un problema. Pertanto, la presunta Agenzia invita il cliente ad aggiornare i dati. 

Una email tipo:

Agenzia delle Entrate

Scontato dire che il link collegato non fa altro che indirizzare l’utente ad una pagina copia, dove una volta aggiornati i presunti dati, questi vengono rubati.

Leggi anche:  Unicredit, SanPaolo e BNL si armano contro le truffe e diventano le banche più sicure

Le comunicazioni da parte della Polizia Postale

A quanto pare, anche se strano, l’Agenzia ha confermato che il messaggio proviene dall’indirizzo di posta elettronica della stessa, ma è trasmesso da un mittente che non può essere individuato.

Ad informare la popolazione italiana di tale truffa, però, è stata la polizia postale che attraverso Facebook, ha diffuso la notizia.

“Nel messaggio di posta elettronica, che contiene il logo dell’Agenzia, si informa di un presunto tentativo di rimborso non andato a buon fine e si invita ad accedere al proprio portale per elaborare manualmente la procedura. A tale scopo, viene chiesto di aggiornare le informazioni del proprio account accedendo a un link contenuto nel testo della e-mail. ”

Ricordiamo, inoltre, che l’Agenzia delle entrate non contatterà mai nessuno per materie di questo genere.