Iliad simbox illegali

Iliad è la regina incontrastata del mercato telefonico estivo in Italia. Sono sempre in numero maggiore le persone che hanno scelto di puntare sul nuovo brand della telefonia. Il vero motivo del successo è ovviamente la promozione low cost di 6,99 euro.

Questa tariffa, oltre che su soglie quasi illimitate, può puntare su una grande forza di promozione mediatica. Quasi ovunque, nella maggiori città del nostro paese è possibile trovare banner o cartelloni con l’offerta Iliad in primo piano.

 

Iliad sotto osservazione per le sue simbox

La presenza di Iliad sul territorio è caratterizzata anche dalle simbox nelle stazioni, negli aeroporti o nei centri commerciali. Queste piccole macchine consentono di produrre delle SIM fai da te.

Leggi anche:  Iliad si migliora: il punto della situazione in attesa delle nuove antenne

La notizia delle ultime giornate è che la Polizia Postale ha aperto un’indagine su questo strumento. Sotto la lente di ingrandimento ci sono eventuali pratiche illecite per quanto concerne il riconoscimento. Il brand è accusato di aver violato le norme del decreto Pisanu in materia di antiterrorismo.

Sulla base delle denunce di altri operatori, Iliad non chiede troppi dati per l’identificazione di clienti. Grazie alle simbox, infatti, sarebbe possibile creare finti nominativi.

Il team francese ancora non è espresso. Sarà compito della Polizia Postale ossevare eventuali evidenze di violazione. In caso affermativo le simbox potrebbero scomparire o potrebbero cambiare i metodi di registrazione.