5G di Iliad, Tim, Wind Tre e Vodafone, ecco le disposizioni di AGCMI ritardi nei pagamenti degli appaltatori negli Stati Uniti potrebbero inibire gli sforzi della diffusione della rete 5G nel paese. Solitamente gli USA sono tra i primi a promuovere determinati prodotti, ma stavolta potrebbe non andare esattamente così.

“Se ci viene chiesto di implementare e mantenere reti di prima classe, come ogni volta, lo facciamo a livello globale. Non vogliamo elementi contrattuali come i termini di pagamento D’intralcio” Mr. Schlekeway ha dichiarato a Mobile World Live. Tra l’altro pare che gli Stati Uniti perderanno la gara globale del 5G per tale problema tecnico.

I ritardi che alcuni operatori di rete stanno provocando sono significativi. I precedenti edifici infrastrutturali hanno visto gli appaltatori del settore delle telecomunicazioni pagare da uno a due mesi dopo il completamento di qualsiasi progetto di questo tipo. Adesso i fornitori di servizi mobile stanno cercando di estendere tale periodo di attesa tra tre e quattro mesi. Quindi dopo che gli appaltatori hanno completato il loro lavoro. Il cambiamento ha il potenziale di interrompere il flusso di affari.

La rete 5G rischia seri problemi negli Stati Uniti: c’è poca manodopera e i pagamenti necessari sono in ritardo

Dato che molti sono piccole imprese, il signor Schlekeway ritiene che il settore wireless li stia trasformando in coloro che sono a disposizione degli altri. In alcuni casi, i vettori wireless stanno dando agli appaltatori la possibilità di essere pagati prima a una tariffa ridotta. Ciò rafforzando ulteriormente l’idea che stanno costringendo le aziende a cambiare i loro modelli di business mentre aspettano che i clienti investano i propri soldi.

Leggi anche:  5G: internet illimitato di Tim, Wind, Tre e Vodafone potrebbe sostituire la fibra

Oltre ai ritardi nei pagamenti, l’ondata di “disabilitazione” LTE attualmente in corso in tutto il paese in preparazione per gli edifici 5G è rallentata. La causa è una massiccia carenza di manodopera. Infatti sempre meno persone sono disposte a contribuire. Mr. Schlekeway stima che al momento non ci siano più di 30.000 tecnici negli Stati Uniti. Essi rappresentano circa i due terzi di ciò che è necessario per soddisfare l’attuale domanda di build-up di infrastrutture. Accoppiato con i pagamenti in ritardo, gli sforzi che spingono verso la prossima generazione di connettività wireless nel paese potrebbero finire per affrontare ulteriori ostacoli in futuro. Tutti e quattro i principali vettori si sono impegnati in precedenza a offrire la connettività 5G nazionale entro il 2020, con l’avvio di un’implementazione su larga scala prevista per il prossimo anno.