Huawei Nova 3iHuawei Nova 3i è giunto di soppiatto pochi giorni fa seguendo le orme del fratello maggiore Nova 3 che rappresenta, rispetto a questi, la versione potenziata della casa madre cinese per la fascia media. Una linea di mercato popolata dall’incessante presenza del nuovo ed apprezzato SoC Kirin 710, che su Geekbench ha dato atto di forza anche per questa nuova versione del terminale.

 

Huawei Nova 3i: i resoconti del Kirin 710 sono su Geekbench

Mentre il core business della società cinese si incentra sui device della linea P20 Pro e Mate 10 Pro (che regalano ora gli esclusivi auricolari wireless e la custodia MontBlanc) si procede anche in direzione della fascia media, dove si incontro un interessantissimo Huawei Nova 3i, diretto discendente del Nova 3 introdottosi all’attenzione di tutti la scorsa settimana.

Grazie ad un’architettura 12 nanometri, con CPU a otto core: quattro ARM Cortex-A73 con frequenza massima di 2,2 GHz e altrettanti ARM Cortex-A53 (per operazioni meno impegnative), il Kirin 710 si è dimostrato all’altezza della situazione, collocandosi a metà strada tra gli Xiaomi Mi 8 Se ed i P20 Lite della stessa casa madre.

Leggi anche:  Huawei non molla e continua a voler espandersi negli USA pubblicando annunci di lavoro

Lo svantaggio rispetto all’architettura Qualcomm per gli Snapdragon 710 è apprezzabile in un dato del -20%, mentre lato configurazione HiSilicon vince a mani basse, grazie a core più potenti. Sostanziale pareggio, invece, per la gestione delle frequenze.Huawei Nova 3i geekbench

Gli Xiaomi Mi 8 SE, con al seguito gli SD710, vincono di margine sulle proposte Huawei, accentuando il divario tra le due soluzioni che vedono, nel test single core, uno score di 1863 punti contro gli appena 1601 punti di HiSilicon. In multicore la differenza è molto meno marcata, a fronte di un risultato che affianca ai 5801 punti di Xiaomi i 5457 punti di Huawei e dei suoi nuovi Nova 3i.Huawei Nova 3i geekbench multi

Il passo in avanti rispetto alla generazione Kirin 659 c’è sicuramente stato, e si vede nel distacco imposto al P20 Lite che arranca di fronte ad una proposta che raddoppia le performance sia in single che in multi core.