Consigli per evitare di essere truffati

Con l’arrivo degli smartphone, le truffe sono conseguentemente aumentate, soprattutto per gli anziani, che utilizzano questi dispositivi senza essere a conoscenza del male che possono causare. Utilizzando un dispositivo touch screen, è molto più facile cliccare un link senza neanche accorgersene.

La maggior parte delle volte ci si ritrova abbonati ad un servizio a pagamento. Altre volte invece le truffe avvengono per telefono o addirittura di persona. Utenti che si presentano fingendosi degli ispettori del gas e della luce, o addirittura dei finti Carabinieri. Ecco alcuni consigli per evitare di essere truffati.

 

Alcuni consigli per evitare di essere truffati

Nella città di Firenze, in seguito alla positiva campagna di informazione di qualche mese fa, ha deciso di proseguire il percorso di prevenzione alle truffe. L’obiettivo finale è quello di mettere in guardia gli utenti, soprattutto anziani, rispetto alle numerose truffe in circolazione. Si tratta di finti addetti delle società di erogazione di servizi quali luce e gas etc. Nella maggior parte dei casi, si fingono delle perdite di gas o contaminazioni di acqua per accedere alle abitazioni.

Le campagne hanno lo scopo di diminuire le truffe sul territorio, infatti la passata iniziativa contro le truffe agli anziani ha avuto un risultato molto positivo. Mettere in guardia i cittadini e dare loro modo di riconoscere subito la truffa, ha avuto i suoi frutti. Le truffe in quel territorio sono infatti diminuite del 50%. La truffa che circola maggiormente nell’ultimo periodo è quella del “finto carabiniere“.

Leggi anche:  Instagram utilizzato da hacker per vendere profili violati di Fortnite

Il truffatore, contatta telefonicamente la propria vittima qualificandosi come Carabiniere ed espone una situazione in cui sarebbe coinvolto un parente della vittima stessa. La maggior parte delle volte fanno riferimento ad un incidente stradale e chiedono una specie di “cauzione” per evitare l’arresto. Il finto Carabiniere, preannuncia la visita presso la residenza della vittima di un collega per ritirare il denaro richiesto. State quindi attenti ad aprire la porta della vostra abitazione e soprattutto a dare soldi a persone sconosciute. Chiedete sempre di mostrarvi un documento che certifica la loro posizione, anche se molte volte sono contraffatti. In caso di sospetti, chiamate il 112.