truffa whatsapp

Essere su WhatsApp significa verosimilmente essere esposti ad un numero di pericoli crescenti per la propria sicurezza in rete. Noi di TecnoAndroid abbiamo sempre cercato di segnalare quelli che potevano essere i rischi maggiori legati alla piattaforma di messaggistica istantanea. Tra questi rischi, ovviamente, molti hanno a che fare con aspetti del tutto materiali della nostra vita online.

 

WhatsApp ed i numeri pericolosi con l’803

Un chiaro esempio? Il credito residuo. Si sono alternate, in questi anni, i pericoli per il proprio credito residuo a causa di truffe ben organizzate da parte di hacker e cybercriminali.

Una nuova ondata di queste truffe sembra essere partita. Per fortuna non qui da noi, ma in Spagna. A Madrid e nelle altre città della nazione iberica, sono molte le persone che hanno avuto a che fare con profili il cui unico scopo era quello di prendere soldi dalle tasche di poveri utenti.

Leggi anche:  WhatsApp: il ritorno a pagamento è cosa fatta, utenti nel panico più totale

I cittadini spagnoli hanno denunciato alle autorità molti numeri aventi come principio “803”. Tali numeri, con la promessa di migliorare i servizi su WhatsApp, andavano ad attivare (dietro richiesta tramite link in allegato) servizi in abbonamento, tra cui molti anche a luci rosse. Questi servizi, a loro volta, avevano un costo altissimo: si arrivava sino a 5 euro al giorno.

Anche se in Italia non si sono ancora verificate truffe del genere, è sempre auspicabile tenere alta l’allerta. Il consiglio è quello di utilizzare un valido strumento come WhatsApp solo per comunicare con i nostri amici e conoscenti.