Microsoft ha lanciato una versione ridisegnata di Skype, denominata Skype 8.0. L’app sostituirà la versione precedente di Skype 7.0, che smetterà di funzionare dopo il 1 settembre 2018; il servizio ora offre il supporto a diverse nuove funzionalità come videochiamate HD con un massimo di 24 persone, condivisione dello schermo durante le chiamate, menzioni nelle chat, galleria multimediale, condivisione di file fino a 300 MB e molto altro ancora.

Skype 8.0 sarà dapprima disponibile per gli utenti di iPad, sebbene la data esatta del rilascio non è stata menzionata dall’azienda. Microsoft ha dichiarato che ulteriori nuove funzionalità come le chiamate crittografate e la registrazione delle chiamate verranno aggiunte nei prossimi mesi.

 

Skype 8.0: Microsoft cambia tutto

Entro la fine dell’anno, poi, saranno implementate alcune feature che includeranno anche il supporto per gli inviti ai profili, le conferme di lettura per i messaggi, i collegamenti di gruppo per le chat e le chiamate, la crittografia end-to-end, la registrazione delle chiamate e i messaggi nascosti con notifiche.

Leggi anche:  Surface Pro 6 sottoposto al test estremo di JerryRigEverything

Potrebbe interessarti: Microsoft Edge per Android: presto il supporto per la traduzione di pagine web

La crittografia end-to-end e la possibilità di registrare le chiamate sono probabilmente le modifiche più importanti da includere in Skype. Rivali come WhatsApp offrono già la crittografia end-to-end per le chat, mentre la funzione di registrazione delle chiamate è stata attesa per lungo tempo. Il servizio informerà tutte le parti coinvolte quando le chiamate vengono registrate, per motivi di privacy e legali.

Skype 8.0 segue l’aggiornamento dello scorso anno che ha coinvolto l’app desktop, e che era incentrato sul migliorare l’esperienza dell’utente tramite un restyling grafico e funzionale. “Abbiamo creato la versione 8.0 di Skype in base al feedback della nostra community, aggiungendo nuove interessanti funzionalità e assicurandoci che sia semplice da utilizzare“, ha affermato Microsoft in un post sul proprio blog.