La linea top di gamma di Samsung è stata a lungo legata all’utilizzo del sensore di impronte digitali sul display, ma nessun dispositivo Galaxy ne ha incluso uno fino ad ora. Anche il prossimo Galaxy Note 9 sarà dotato di uno scanner di impronte digitali posto sul retro, posizionato sotto l’alloggiamento della fotocamera.

Le cose dovrebbero cambiare a partire dal prossimo anno. Gli smartphone di fascia alta della società infatti abbandoneranno gli scanner biometrici posteriori in favore della nuova tecnologia. Oltre al Galaxy S10 ed al Note 10, la serie Galaxy A 2019 sarà dotata anche della nuova tecnologia di scansione delle impronte digitali, secondo un rapporto arrivato dalla Cina.

La serie di smartphone di fascia media utilizzerà lo stesso scanner di impronte digitali ad ultrasuoni di Qualcomm come per i dispositivi Samsung top di gamma del 2019. Il colosso sudcoreano dovrebbe spedire oltre 60 milioni di smartphone con questa nuova soluzione. Nel 2019, la serie Galaxy S10 dovrebbe arrivare con tre modelli con diverse dimensioni dello schermo. Parliamo del 5,8, del 6,1 e del 6,4 pollici.

Solo i due più grandi dovrebbero essere dotati dello scanner per le impronte digitali ad ultrasuoni. A maggio è emerso un rapporto che riferiva proprio di questo aspetto per il Galaxy S10.

Qualcomm ha lavorato a questa soluzione, denominata SenseID per diversi anni. Fu addirittura annunciato che sarebbe stata commercializzata insieme al chipset Snapdragon 820.

Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 9, tutti i segreti della S Pen a due giorni dalla presentazione

 

Samsung potrebbe implementare il sensore di sblocco sul display anche nei medio gamma

 

In realtà non è mai stata ufficialmente annunciata. Lo scanner per le impronte digitali ad ultrasuoni migliorato può essere sia in vetro che in alluminio. Questo perchè utilizza onde sonore ultrasoniche per creare un’immagine 3D dell’impronta digitale, rendendolo più sicuro rispetto alle soluzioni convenzionali.

La serie Galaxy A è di solito la prima linea di smartphone dell’azienda ad ottenere le funzionalità introdotte sui device di fascia più alta dell’azienda come visto per l’Infinity Display. In molti casi, la serie dei medio gamma ha ricevuto miglioramenti significativi visti poi anche sugli altri Galaxy.

Lo scanner di impronte digitali posizionato in maniera differente è arrivato in primis sul Galaxy A8 Plus lanciato quest’anno. La disposizione della fotocamera è stata modificata in senso verticale ed è stata successivamente ripresa anche sul Galaxy S9 Plus.

Considerati i casi precedenti, non sarebbe così sorprendente se la linea Galaxy A 2019 fosse dotata di uno scanner per le impronte digitali sul display prima dell’S10.