ransomwareRansomware del calibro di Wannacry mettono paura e gettano nel panico gli utenti a causa di un sistema di attacco che agisce in automatico. Difficile proteggersi basandosi sulla propria esperienza, su una buona dose di diffidenza e sui tradizionali sistemi antivirus. In questi casi occorre fare molto di più.

 

Combattere i ransomware prima che sia troppo tardi

Prima che un potenziale ransomware prenda il sopravvento occorre tenere a mente un utile consiglio: gli antivirus non bastano. Occorre quindi prendere in mano le redini della situazione ed affidarsi a metodi e soluzioni di indubbia efficacia.

Una delle migliori soluzioni per evitare che si venga infettati da un virus di tipo ransomware è quella di utilizzare prodotti come Acronis Ransomware Protection, appositamente progettato per supportare l’antivirus integrandone le funzioni con un livello di protezione aggiuntivo.

Leggi anche:  Hacker derubano 8 banche in Europa con attacchi da Film su grande schermo

Si tratta di un software dalle enormi potenzialità, in grado di garantire un monitoraggio in tempo reale nonché un efficace sistema di blocco degli attacchi zero-day. Esegue, inoltre, il backup automatico dei nostri file in locale o sul cloud a nostra scelta, visto che come noto il fine ultimo di questo tipo di malware è quello di prendere in ostaggio i nostri file.

Un software gratuito e facile da usare, con incluso 5GB di spazio di archiviazione in cloud per la protezione dei nostri dati importanti. Una protezione aggiuntiva cui è difficile rinunciare e che vi consigliamo di installare quanto prima, onde evitare spiacevoli ed inattese conseguenze.