Quando si parla di social media e shopping online, le persone si aspettano personalizzazione e convenienza. Anche quando si parla di servizi bancari. Ciò non sembra sempre possibile, ma presto le cose cambieranno.

Questo potrebbe essere solo uno dei tanti motivi per cui i millennial in particolare dicono di essere pronti ad utilizzare aziende come Amazon, Google, Apple e Facebook per i loro servizi bancari. Sarebbe tutto a portata di un clic. La società MuleSoft ha intervistato più di 8.000 persone in tutto il mondo. Con tale sondaggio è stato scoperto che il 52% dei giovani tra i 18 ei 34 anni prende in considerazione l’opportunità di fare affari con Facebook o un altro gigante tecnologico.

Naturalmente, i giganti della tecnologia non saranno in grado di offrire servizi bancari di alto livello. Tra l’altro, i recenti regolamenti di Open Banking consentono ai clienti di chiedere alle proprie banche di condividere i dati finanziari con società terze controllate. E questo significa quasi un ingresso senza barriere nel settore bancario per i giganti della tecnologia.

Ci sono però timori sulla privacy. Ovviamente, alla luce di una serie di recenti preoccupazioni sui dati, alcuni potrebbero obiettare che i clienti non saranno disposti a fidarsi delle grandi aziende tecnologiche con le loro transazioni. La verità è che la convenienza calpesta le paure della privacy. Il segmento demografico dei più giovani opera già gran parte della sua vita all’interno dell’ecosistema di un’azienda come Google o Apple. Quindi se è conveniente e intuitivo, l’utilizzo di tali società per il settore bancario non sarebbe affatto diverso.

Leggi anche:  Amazon vuole ottenere tutti i dati dei clienti, ecco il motivo

Note aziende come Apple, Google, Amazon, Facebook e così via potrebbero ribaltare la concezione che abbiamo delle banche

Eticamente parlando, una cosa che potrebbe ostacolare le grandi aziende tecnologiche, o dare alle startup fintech il vantaggio, è una crescente attenzione all’etica da parte dei più giovani clienti bancari. Un recente rapporto sul futuro del denaro effettuato negli Stati Uniti e in Cina dall’Innovation Group di J Walter Thompson Intelligence ha fornito dati interessanti. Il 76% dei cinesi e il 65% dei consumatori statunitensi sostengono che il comportamento etico è importante quando si sceglie un istituto finanziario. Le preoccupazioni sull’uso dei dati da parte di Facebook, ad esempio, potrebbero allontanare i millennial dalle loro attività bancarie a causa di preoccupazioni etiche piuttosto che preoccupazioni sulla privacy.

Naturalmente, finora, è tutta speculazione. Un terzo dei banchieri europei ritiene che le nuove leggi sui dati determineranno uno spostamento “fondamentale” nei prossimi cinque anni. Più di un quarto ha dichiarato che si aspettano che Facebook, Google e Amazon assumano il ruolo di banche. I consumatori stanno adottando nuovi comportamenti in massa, inclusi pagamenti peer-to-peer, banche digitali, criptovalute e altro ancora. Si aspettano di più non solo dai servizi e dall’etica dei marchi bancari, ma anche dal loro fascino e marchio.

Aziende come Amazon e Apple hanno l’opportunità, hanno la tecnologia e hanno la capacità di investire. Qualunque cosa ciò possa significare per la stabilità e la regolamentazione finanziaria globale, potrebbe sicuramente innescare la stabilità del business delle banche tradizionali.