Facebook sconfitta dal tribunale tedesco

Facebook, come tutti ben saprete, a causa dello scandalo Cambridge Analytica, ha passato dei mesi difficili. Pochi giorni fa è arrivata anche la prima maxi multa dalla Gran Bretagna.

Negli ultimi giorni si è trovato anche davanti ad un tribunale tedesco che, dopo un lungo caso giudiziario, ha deciso di non dare ragione alla piattaforma.

 

Facebook sconfitto da un tribunale tedesco

Un tribunale tedesco di Karlsruhe, ha permesso a due genitori di subentrare in qualche modo all’account della figlia di 15 anni deceduta anni prima. Si tratta di una sorta di eredità digitale anche se purtroppo in questo caso, fuori dalle logiche naturali. Il caso giudiziario è durato molti anni, più precisamente dal 2012, dalla morte della ragazzina tedesca.

I genitori della minorenne hanno chiesto per molto tempo di poter accedere all’account della figlia, anche per poter capire alcune dinamiche dell’incidente. Per tutti questi anni, la piattaforma ha sempre negato ai genitori l’accesso al relativo account per la mancata impostazione della figlia del “contatto erede”. L’account della giovane è stato quindi bloccato e trasformato in “account commemorativo”. I genitori si sono così rivolti alla giustizia.

Leggi anche:  Facebook e Instagram: lo studio conferma che inducono alla depressione

I giudici di Berlino, già al primo appello diedero ragione ai genitori, anche se la corte d’appello ribalto successivamente la decisione. L’ultimo passaggio è arrivato qualche giorno fa, quando i genitori hanno finalmente avuto libero accesso all’account della figlia. Un portavoce di Facebook ha spiegato: “Siamo rispettosamente in disaccordo con la sentenza, la durata del processo dimostra quanto sia complessa la questione“.