Amazon a rischioLe persone che lavorano per Amazon hanno scritto al CEO della compagnia, Jeff Bezos. L’intento è protestare contro la vendita di strumenti per il riconoscimento facciale e altre tecnologie.

Gli operai hanno citato le varie tecnologie al Dipartimento per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti e l’Agenzia per l’immigrazione e le dogane (ICE). La dinamica è nata poiché hanno ricevuto critiche per aver fatto rispettare la politica di “tolleranza zero” di Donald Trump. La stessa che ha visto i genitori separati dai loro figli al confine degli Stati Uniti.

Essendo eticamente interessati, prendiamo una posizione, facciamo una scelta. Decidiamo ciò che costruiamo e il modo in cui lo utilizziamoImpariamo dalla storia e comprendiamo come i sistemi IBM furono impiegati negli anni ’40 per aiutare Hitler“. All’epoca tale sistema non si assumeva la responsabilità. Quando il loro ruolo fu compreso, era troppo tardi. “Non permetteremo che accada di nuovo, ora è il momento di agire”.

Alcuni dipendenti di Amazon hanno scritto una lettera per dissociarsi dalle tecnologie che potrebbero favorire la politica di Trump

La lettera arriva dopo che 19 azionisti di Amazon. Essi hanno scritto a Mr Bezos in precedenza. Poiché temono che il coinvolgimento dell’impresa possa alla fine ridurne il valore reale. L’American Civil Liberties Union (ACLU) ha rivelato all’inizio di quest’anno come Amazon sta commercializzando il potente strumento di Rekognition AWS per le forze dell’ordine. Dunque una pratica che i lavoratori sostengono rende l’azienda implicita in presunte violazioni dei diritti umani.

Leggi anche:  Amazon regala un buono di 5 euro ad alcuni utenti, ecco come ottenerlo

“Siamo preoccupati che la tecnologia sia utilizzata per bersagliare in modo sleale e sproporzionato le persone di colore. O gli immigrati e le organizzazioni della società civile”. Amazon ha rifiutato di fornire un commento sulla lettera. La società ha precedentemente difeso lo sviluppo di Rekognition. “Come tecnologia, Amazon Rekognition ha molte applicazioni utili nel mondo reale”, ha detto un portavoce.

Nella loro lettera a Mr Bezos, i lavoratori hanno dichiarato che si rifiuterebbero di costruire la piattaforma che alimenta l’ICE o qualsiasi tecnologia simile. In tutto ci sono tre richieste. I lavoratori hanno chiesto al CEO di smettere di vendere la tecnologia alle forze dell’ordine, di non fornire infrastrutture ai partner che consentono l’ICE e implementare misure di trasparenza più severe. Secondo loro l’azienda non dovrebbe essere nel business della sorveglianza e nel settore della polizia. “Non dovremmo essere nel business di sostenere coloro che controllano e opprimono le popolazioni emarginate“.