Whatsapp integrerà nella sua applicazione una nuova funzionalità: d’ora in poi, sapremo se il messaggio che abbiamo inviato è stato inoltrato o meno. Questo è solo un piccolo segnale: in cima al messaggio apparirà la parola “Inoltrato”, come mostrato nell’immagine qui sotto.

Un aggiornamento molto utile

Questa funzionalità è già stata applicata sia nel sistema operativo Android e iOS, spiega la stampa internazionale.

WhatsApp ha rilasciato questa nuova funzione proprio nelle scorse ore e per tutti gli utenti. D’ora in poi, infatti, quando qualcuno invia un messaggio, chiunque lo riceve vedrà comparire nel testo un avviso. “La funzione aiuterà a determinare se un amico o un parente ha effettivamente scritto il messaggio che hai inviato o se il testo è originariamente venuto da qualcun altro“, spiega l’azienda.

Non è un provvedimento nuovo quello che oggi ha deciso di attuare la popolare piattaforma di messaggistica. WhatsApp, infatti, ha combattuto – e, promette, continuerà a farlo – contro la diffusione di fake news o qualsiasi altro tentativo di indurre l’utente a cliccare su link malevoli. Lo spam e questa nuova funzionalità hanno lo scopo di aiutare gli utenti a identificare quando lo stesso messaggio viene inviato indiscriminatamente a contatti diversi.

Leggi anche:  WhatsApp: la sicurezza ora è al top, ecco il nuovo aspetto dell'ultimo aggiornamento

La novità, quindi, può essere un modo per aiutare gli utenti ad evitare che le notizie false circolino attraverso WhatsApp. La società cerca di superare in questo modo la reputazione di essere diventata una fonte di disinformazione.

L’avviso può essere utile quando i video e le foto sono condivisi tra gli utenti. Tuttavia, se il contenuto è solo in testo, può essere facile da aggirare. Basta copiare e incollare il messaggio direttamente nella conversazione.

Gli utenti possono iniziare ad accedere alla notifica dall’ultimo aggiornamento dell’applicazione. Il mese scorso, la società ha rilasciato il ruolo per gli utenti di WhatsApp Beta, la versione di prova dell’app.