Nove motivi per cui la dipendenza da telefono cellulareLo sapevate che la dipendenza da smartphone e la fobia di trascorrere una giornata senza di esso sono già considerati una malattia? E ha un nome: NomofobiaIl termine non è associabile a quelle persone che sono tristi o leggermente irritate quando la batteria del telefono si esaurisce. È anche per quei casi estremi in cui la persona è quasi senza fiato quando non ha il suo dispositivo a portata di mano. E, sappiamo bene, non è così difficile dipendere dal proprio smartphone, anche nelle più piccole cose.

Dopotutto, un singolo dispositivo diventa il nostro DJ privato, meteorologo infallibile, l’agenda che non fallisce mai e nemmeno l’allenatore personale di cui abbiamo bisogno per la nostra attività fisica. 

 

Il telefono è la tua dipendenza?

Se il dubbio ti attanaglia e se vuoi sapere il verdetto finale, non occorre subito andare dallo psichiatra. In ogni caso, se la risposta alla tua paura è affermativa, il passo più vantaggioso da fare è cercare di capire le ragioni della sua dipendenza.

Scopri i nove fattori che influenzano il nostro livello di dopamina – ormone del piacere, dipendenza ed euforia – che ci rende dipendenti dal nostro smartphone

  1. Siamo dipendenti dalle novità: hai presente le farfalle nello stomaco all’inizio di una relazione? Bene, le applicazioni e i telefoni cellulari sono progettati per darci sempre qualcosa di nuovo. E lo adoriamo.
  2. Siamo bambini piccoli che cercano la prossima ricompensa. Ci piace giocare al telefono senza sapere se ci porterà qualcosa di buono o cattivo. Eppure, la curiosità ci porta sempre a dare una sbirciatina allo schermo.
  3. Detestiamo sentirci ansiosi: anche oggi, persino un gruppo di amici si aggrappa al cellulare. Inoltre, odiamo “stare fuori” da un evento, non farne parte e, quindi, abbiamo paura di perdere qualche notifica.
  4. Vogliamo essere amati: sia per i gusti nelle nostre fotografie o per il messaggio di un amico virtuale, la verità è che il telefono cellulare e Internet ci danno le armi necessarie per essere sempre connessi a tutto e tutti.
  5. Amiamo l’imprevedibilità: ciò che ci affascina è l’idea che qualcosa di nuovo possa accadere in qualsiasi momento. E il fatto che siamo sempre online, legati a tutto e tutti, ci fa sempre desiderare di sapere cosa verrà dopo.
  6. Siamo pigri: vedi YouTube che passa automaticamente alla canzone successiva! È per assicurarsi che restiamo lì, anche senza dover fare nient’altro perché ciò accada, cercare un’altra canzone e altro ancora.
  7. Ci piace essere fiocchi di neve unici: ci piace sentirci speciali, e per questo ci sono mille e una diversa applicazione e molte di esse consentono la personalizzazione. Quindi, possiamo mostrarci unici nel nostro stile.
  8. Ci piace autodiagnosticare disturbi: cerchiamo sul cellulare finché non ci sentiamo male. Vogliamo avere sempre risposte per tutto e non vogliamo aspettare un mese per la consultazione.
  9. Temiamo la nostra stessa mente: il cellulare ci dà un’arma potente – non essere mai soli con noi stessi.