WhatsApp: improvviso ritorno a pagamento, il messaggio da l'ufficialità agli utenti

WhatsApp in principio era una scommessa tutta da vincere per i creatori. La piattaforma di messaggistica istantanea è ora utilizzata in vasta scala sul globo, anche se il prodotto odierno rappresenta un qualcosa di diverso da quello che conosciuto nel 2012.

La chat ora propone molte funzioni che vanno oltre le semplici discussioni. Allo stato attuale ci sono le chiamate e le videochiamate, la geolocalizzazione, le chat di gruppo.

Ad inizio anno abbiamo parlato come WhatsApp si sarebbe dotata di uno strumento relativo ai pagamenti monetari. Come Apple Pay o PayPal, con la piattaforma dovrebbe essere possibile inviare piccole somme di denaro ad amici e contatti.

 

Slittano i pagamenti su WhatsApp

Il menu impostazioni sarà caratterizzato dalla voce “Payments“. Gli utenti dovranno solo registrare la loro carta di credito per effettuare i pagamenti. Con vari click si sceglierà la somma da inviare e a chi inviarla. Il passaggio sarà istantaneo e con crittografia end-to-end non ci sono rischi privacy.

Leggi anche:  WhatsApp, ecco come scoprire in chat se il nostro partner ci tradisce

Ecco la brutta notizia. Ad ora la funzione è attiva solo in India. Gli sviluppatori di WhatsApp, stando alle ultime notizie, dovrebbero estendere “Payments” solo il prossimo anno in Occidente.

Il ritardo sulla tabella di marcia è quindi notevole. In sostanza nel corso di quest’anno non ci saranno novità a riguardo.